Dalle procedure semplificate per presentare istanza di cassa integrazione ordinaria per le aziende della zona rossa allo stop fino al 30 aprile degli adempimenti fiscali. Ma anche la conferma della validità dell’anno scolastico anche se non si arriverà ai 200 giorni di lezione previsti per legge. E l’estensione della carta famiglia ai nuclei con un solo figlio, se residenti in Lombardia o Veneto. Per far fronte all’emergenza sanitaria, poi, i laureati in medicina e chirurgia che non potranno sostenere l’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione (rinviato causa virus) sono autorizzati a frequentare con riserva il corso di formazione specifica in medicina generale. Ecco tutte le misure urgenti adottate venerdì sera “salvo intese” dal Consiglio dei ministri per sostenere le famiglie, i circa 20mila lavoratori e le imprese colpiti dall’emergenza coronavirus.

Sospensione dei termini per versamenti e altri adempimenti nella “zona rossa”
Per i soggetti che hanno la residenza, la sede legale o la sede operativa nei comuni della cosiddetta “zona rossa” (Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini e Vo’), sono sospesi
– i versamenti in scadenza nel periodo compreso dal 23 febbraio al 30 aprile relativi a cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, avvisi di addebito emessi dagli enti previdenziali ed assicurativi, atti di accertamento esecutivi emessi dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli, atti di accertamento esecutivi emessi dagli enti locali sia per le entrate tributarie che per quelle patrimoniali, “rottamazione-ter”, “saldo e stralcio”. La scadenza è prorogata al 31 maggio 2020.
– il pagamento delle bollette di acqua, gas ed energia elettrica, fino al 30 aprile, con la previsione dell’eventuale rateizzazione delle bollette una volta terminato il periodo di sospensione.
– il versamento, per 12 mesi, dei ratei dei mutui agevolati concessi da Invitalia alle imprese e il pagamento dei diritti camerali.
– l’estensione della sospensione dei termini per adempimenti e pagamenti, già prevista dal decreto ministeriale dello scorso 24 febbraio, anche ai contribuenti che risiedono al di fuori della “zona rossa” ma si avvalgono di intermediari che vi sono ubicati.
– proroga dei termini per la comunicazione dei dati necessari alla predisposizione della dichiarazione dei redditi pre-compilata.

Misure di sostegno a famiglie, lavoratori dipendenti e autonomi e potenziamento degli ammortizzatori sociali nella “zona rossa”
Il decreto semplifica le procedure per la cassa integrazione ordinaria per le unità produttive operanti nei comuni elencati e per i lavoratori lì domiciliati. Il ricorso alla cassa integrazione è esteso ai datori di lavoro iscritti al Fondo di integrazione salariale. Inoltre sono previsti:
– possibilità di sospensione della Cassa integrazione straordinaria per le imprese che vi avessero fatto ricorso prima dell’emergenza sanitaria e sostituzione con Cassa integrazione ordinaria.
cassa integrazione in deroga per i datori di lavoro del settore privato, compreso quello agricolo, con unità produttive operanti nei comuni elencati e per i lavoratori ivi domiciliati che non possano beneficiare dei vigenti strumenti di sostegno al reddito, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo massimo di tre mesi.
indennità di 500 euro al mese, per un massimo di tre mesi, per i lavoratori che hanno rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, per gli agenti commerciali, per i professionisti e per i lavoratori autonomi (compresi i titolari di attività di impresa iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria – AGO) domiciliati o che svolgono la propria attività nei comuni elencati, parametrata alla effettiva durata della sospensione dell’attività.
– estensione delle agevolazioni per gli acquisti a favore delle famiglie residenti nelle aree colpite dal contagio: per tutto il 2020 tutte le famiglie con almeno un figlio a carico fino ai 26 anni d’età e residenti nei territori regionali interessati dal contagio siano destinatarie della Carta della famiglia, normalmente riconosciuta solo ai nuclei con almeno tre figli.
– rilancio della solidarietà sociale attraverso donazioni antispreco sull’intero territorio nazionale. Il regime fiscale delle donazioni di alimenti (non imponibilità a fini IVA e imposte redditi) viene esteso alle donazioni di altre merci come vestiario, computer eccetera.

Misure in favore dei soggetti che risentono delle conseguenze, anche indirette, dell’emergenza sanitaria
– incremento della dotazione del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese e, per 12 mesi, la garanzia della priorità della concessione del credito a quelle operanti nella “zona rossa”, comprese quelle del settore agroalimentare. La concessione è a titolo gratuito, per un importo massimo per singola impresa di 2,5 milioni di euro e percentuale massima di copertura pari all’80 per cento nel caso di interventi di garanzia diretta e pari al 90 per cento in caso di riassicurazione. L’intervento potrà essere esteso, con successivo decreto del Ministro dello sviluppo economico, per periodi determinati, alle p.m.i. con sede in aree limitrofe alla “zona rossa” che abbiano subito un danno eccezionale o che facciano parte di una filiera particolarmente colpita.
– la sospensione del pagamento dei ratei dei mutui per immobili residenziali per i lavoratori che subiscano la sospensione dal lavoro o la riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni.
– incremento di 350 milioni di euro dei fondi destinati al sostegno delle imprese esportatrici.
– estensione della validità delle tessere sanitarie e della Carta nazionale dei servizi.
– misure volte ad agevolare il ricorso al lavoro agile (smart working) dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche-
– mantenimento della retribuzione dei dipendenti pubblici in caso di malattia con ricovero ospedaliero o assenza per malattia dovuta al Covid-19, compresi i periodi di quarantena;
– possibilità, per i laureati in medicina e chirurgia che non possano sostenere l’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo, di frequentare con riserva il corso di formazione specifica in medicina generale;
– conservazione della validità dell’anno scolastico, anche qualora gli istituti non possano effettuare i duecento giorni di lezione previsti dalla normativa a seguito delle misure di contenimento
– istituzione di un fondo rotativo per la concessione di mutui a tasso zero per le imprese agricole in difficoltà
– differimento al 15 febbraio 2021 dei termini per l’obbligo di segnalazione (“procedimento di allerta”) che grava sugli organi di controllo interno e sui revisori contabili, introdotto dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza per consentire un graduale adeguamento a questa novità

Settore turistico
Si prevede, per le strutture ricettive, le agenzie di viaggio e i tour operator, la sospensione fino al 31 marzo del versamento dei contributi previdenziali e delle ritenute fiscali. Per gli utenti che non abbiano potuto viaggiare da e per la “zona rossa”, o usufruire di pacchetti turistici a causa delle misure di contenimento e di prevenzione della diffusione del COVID-19 disposte dalle autorità italiane o straniere si prevedono specifiche forme di compensazione attraverso voucher. Vale per pacchetti turistici e viaggi da e per zona rossa; per andare a eventi annullati o sospesi da ordinanze e decreti; per viaggi all’estero bloccati per covid-19; per le gite scolastiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il rallentamento della Cina ferma moda e farmaceutica. “Dopo l’emergenza chi può cerchi fornitori anche in Europa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Grana Padano bloccato alla frontiera greca: chiesta certificazione “virus free”. Ma Atene smentisce: “Nessuna direttiva”

next