Rimasto in Cina perché aveva la febbre e poi in quarantena all’Istituto Spallanzani di Roma senza mai essere positivo al nuovo coronavirus, Niccolò, il 17enne di Grado, sarà dimesso sabato. “I miei genitori stanno arrivando a Roma. Sono felice. Non vedo l’ora di riabbracciarli” ha detto ai medici che lo hanno seguito in queste settimane. Medici che lo hanno descritto sempre di ottimo umore e in ottime condizioni di salute.

L’istituto “è felice di poter condividere questa gioia con la famiglia del ragazzo ed i suoi amici” si legge nella nota dell’ospedale. “Nostro figlio sta benissimo, siamo felicissimi di poterlo riabbracciare. Non è mai stato così bene e non vede l’ora di uscire: domani finalmente torniamo a casa. Non si è mai scoraggiato, è sempre stato forte e non si è perso d’animo – dicono i genitori – Ci ha stupito, è stato così forte. E noi non abbiamo mai avuto paura che si potesse contagiare, è sempre stato attento alle precauzioni e se le segui non succede nulla. Qui allo Spallanzani non gli hanno fatto mancare nulla è stato accontento in tutto. Niccolò è diventato il figlio di tutti”.

I genitori ricordano i momenti di attesa in Italia e la preoccupazione per la sorte del figlio bloccato a Wuhan. “Qualche pensiero c’è stato, ma è andato tutto bene – raccontano – Siamo stato in contatto con tutti quelli che hanno lavorato al rientro di Niccolò, siamo stati sempre informati sulle sue condizioni in Cina e qui in Italia. Una grande garanzia è stato sapere che nostro figlio era seguito dai medici dello Spallanzani. Appena rientreremo a casa tornerà ad una vita normale, c’è la scuola che l’ha aspetta. Quando sarà possibile magari lo faremo una festa con gli amici”. E una volta finito tutto “tornerà assolutamente in Cina”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Raggi pubblica videoraccolta degli “zozzoni”: “Grazie a fototrappole sui rifiuti fatte 2400 sanzioni, per 300mila euro”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, furti di mascherine in ospedale: da Torino a Bari, l’ultimo caso in Liguria

next