L’industria italiana segna il passo. Nel 2019 si rileva una diminuzione rispetto all’anno prima sia del fatturato (-0,3% sia il dato grezzo che quello corretto) sia dei nuovi ordinativi (-1,9%). E l’Istat, che ha diffuso i dati, sottolinea che per il fatturato si tratta del primo calo in termini annui dal 2015, mentre per gli ordinativi è la prima riduzione dal 2014.

L’andamento dell’ultimo mese dell’anno conferma la frenata emersa dal dato sul pil, che nel quarto trimestre è calato dello 0,3%: a dicembre gli ordinativi dell’industria sono saliti dell’1,4% ma il fatturato, al netto dei fattori stagionali, è diminuito del 3% in termini congiunturali. Nel quarto trimestre l’indice complessivo registra una riduzione dello 0,6% rispetto al trimestre precedente. Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 20 contro i 19 di dicembre 2018), il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali dell’1,4%, con riduzioni dell’1,8% per il mercato interno e dello 0,7% per quello estero.

La dinamica congiunturale del fatturato riflette cali sia sul mercato interno (-2,9%) sia su quello estero (-3,1%). Per gli ordinativi l’incremento congiunturale è sintesi di risultati quasi speculari registrati sui due mercati: +6,9% la crescita delle commesse provenienti dal mercato interno e -6,4% la riduzione di quelle provenienti dall’estero. Tutti gli indici destagionalizzati del fatturato segnano un calo su base mensile: -0,9% i beni di consumo, -2,7% l’energia, -3% i beni intermedi e -5,2% i beni strumentali. Con riferimento al comparto manufatturiero, è il settore farmaceutico a registrare la crescita su base annua più rilevante (+15,4%), mentre l’industria dei computer e dell’elettronica mostra il calo maggiore (-7,7%).

Passando alla dinamica del 2019, in termini congiunturali il fatturato complessivo è aumentato solo nel primo trimestre mentre è rimasto sostanzialmente stabile nel secondo. Gli ultimi due trimestri dell’anno sono stati caratterizzati entrambi da diminuzioni. Gli ordinativi, invece, hanno mostrato un andamento negativo o stazionario in quasi tutti i trimestri del 2019, con l’eccezione dell’ultimo, in crescita. Anche il fatturato al netto della componente di prezzo del settore manifatturiero evidenzia, in media d’anno, un calo, il primo dal 2014.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Airbnb, da Amsterdam a San Francisco ecco le città che hanno messo paletti. A New York maxi multe a chi affitta per meno di 30 giorni

next