Un doodle di risate latinoamericane. Sulla home di Google oggi si celebra il 91esimo anniversario della nascita di Roberto Gomez Bolaños. Il comico, attore, scrittore e sceneggiatore messicano, in Italia conosciuto come Cecco della Botte, era nato il 21 febbraio 1929. Google gli ha dedicato un doodle che lo ritrae mentre esce da uno schermo televisivo proprio perché Bolaños era noto con il soprannome di Chespirito, un termine che nella pronuncia spagnola di Shakespeare significa “piccolo Shakespeare”, dovuto all’abilità di Bolanos nello scrivere le storie che avrebbe poi interpretato lui stesso soprattutto durante gli anni settanta in televisione. Figlio di un fumettista e di una segretaria, rimase orfano quando ancora era ragazzo.

Già negli anni Cinquanta mise da parte velleità di studi universitari per lavorare come creativo pubblicitario in radio e in tv, e come sceneggiatore di scenette comiche con all’interno diversi personaggi da lui inventati. In quarant’anni di carriera Bolaños creò ed interpretò una serie di personaggi famosissimi nel panorama sudamericano, tra cui El Chapulín Colorado (un supereroe maldestro) ed El Chavo. Un arresto cardiaco lo uccise il 28 novembre del 2014. Ancora oggi i suoi sketch rimangono tra i più visti sulle tv latinoamericane, si parla di decine di milioni di telespettatori, mentre in Italia la sua conoscenza avvenne nei primi anni Ottanta grazie a ReteA dove vennero trasmessi diverse serie intitolate Un’autentica peste.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mary Poppins, annullate le 54 repliche previste a Milano. Non rimborsati i biglietti acquistati online: 20mila utenti infuriati

next
Articolo Successivo

Skullbreaker Challenge, l’ultima pericolosa sfida che spopola su TikTok: “Si rischia lesione midollare con conseguente tetraparesi”

next