Una nuova sfida ha preso piede in tutto il mondo su TikTok, social network molto diffuso tra i giovanissimi. Si tratta della skullbreaker challenge, letteralmente “la sfida a colui che rompe il cranio”, anche detta ‘tripping challenge’ cioè sfida dello sgambetto. Numerosi i video postati online da ragazzi e ragazze, alcuni ripresi da media di tutto il mondo, da Cbs, Gulf News a The New Indian Express, ma anche denunciati su numerosi profili social. In Sudamerica, in particolare in Messico, Colombia, Cile e Argentina, dove è molto popolare, si chiama ‘rompe craneo’ o ‘craneo roto’ però il concetto è sempre lo stesso.

I partecipanti sono tre, allineati in orizzontale e pronti a saltare, ma uno di loro è ignaro della “sfida”. Nel momento in cui la persona in mezzo salta, gli altri due ai lati gli tendono contemporaneamente uno sgambetto, facendolo cadere e sbattere schiena e testa a terra. Alcuni dei ragazzi vittime della sfida hanno riportato convulsioni, emorragie e perdita di conoscenza. Immediata la risposta di genitori e insegnanti che, allarmati dalla nuova “moda”, hanno denunciato gli episodi online e si sono organizzati in gruppi sui social per cercare di arginare il fenomeno.

È veramente una follia. Oltre a traumi alla testa, è facile avere una lesione midollare con conseguente tetraparesi, la tipica lesione dei ragazzi quando fanno le capriole tuffandosi al mare e incontrano una roccia sotto il pelo dell’acqua”, ha spiegato all’AdnKronos Salute Antonino Reale, responsabile di Pediatria dell’emergenza all’ospedale Bambino Gesù di Roma.

A tentare di dissuadere i più giovani dal tentare la sfida, potenzialmente mortale, sono anche i loro coetanei che in messaggi postati a corredo dei video si schierano contro l’assurdità di questa nuova challenge. In particolare in una clip, molto cliccata e ripostata online, tre ragazzi cominciano a prendere posizione per la sfida ma finiscono per avvicinarsi alle telecamera e diffondere un messaggio di amicizia. “Davvero pensavate che l’avremmo fatto? Fate attenzione, amatevi, rispettate i vostri compagni“, dicono i tre. Dal canto suo TikTok, tramite un portavoce, ha fatto sapere di avere eliminato i video: “La sicurezza e il benessere dei nostri utenti è una priorità assoluta. Non consentiamo contenuti che incoraggiano, promuovono o esaltano sfide pericolose che potrebbero causare lesioni. Rimuoviamo questa tipologia di contenuti e incoraggiamo gli utenti a segnalarci contenuti che ritengono possano violare le nostre Linee Guida della Community”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Doodle di Google dedicato oggi a Roberto Gomez Bolaños: ecco chi è il comico conosciuto come “Cecco della Botte”

next
Articolo Successivo

Alberto Angela si scaglia contro un paparazzo: “Cancella le foto, mio figlio è minorenne”. La lite degenera, interviene la polizia

next