Una nuova sfida ha preso piede in tutto il mondo su TikTok, social network molto diffuso tra i giovanissimi. Si tratta della skullbreaker challenge, letteralmente “la sfida a colui che rompe il cranio”, anche detta ‘tripping challenge’ cioè sfida dello sgambetto. Numerosi i video postati online da ragazzi e ragazze, alcuni ripresi da media di tutto il mondo, da Cbs, Gulf News a The New Indian Express, ma anche denunciati su numerosi profili social. In Sudamerica, in particolare in Messico, Colombia, Cile e Argentina, dove è molto popolare, si chiama ‘rompe craneo’ o ‘craneo roto’ però il concetto è sempre lo stesso.

I partecipanti sono tre, allineati in orizzontale e pronti a saltare, ma uno di loro è ignaro della “sfida”. Nel momento in cui la persona in mezzo salta, gli altri due ai lati gli tendono contemporaneamente uno sgambetto, facendolo cadere e sbattere schiena e testa a terra. Alcuni dei ragazzi vittime della sfida hanno riportato convulsioni, emorragie e perdita di conoscenza. Immediata la risposta di genitori e insegnanti che, allarmati dalla nuova “moda”, hanno denunciato gli episodi online e si sono organizzati in gruppi sui social per cercare di arginare il fenomeno.

È veramente una follia. Oltre a traumi alla testa, è facile avere una lesione midollare con conseguente tetraparesi, la tipica lesione dei ragazzi quando fanno le capriole tuffandosi al mare e incontrano una roccia sotto il pelo dell’acqua”, ha spiegato all’AdnKronos Salute Antonino Reale, responsabile di Pediatria dell’emergenza all’ospedale Bambino Gesù di Roma.

A tentare di dissuadere i più giovani dal tentare la sfida, potenzialmente mortale, sono anche i loro coetanei che in messaggi postati a corredo dei video si schierano contro l’assurdità di questa nuova challenge. In particolare in una clip, molto cliccata e ripostata online, tre ragazzi cominciano a prendere posizione per la sfida ma finiscono per avvicinarsi alle telecamera e diffondere un messaggio di amicizia. “Davvero pensavate che l’avremmo fatto? Fate attenzione, amatevi, rispettate i vostri compagni“, dicono i tre. Dal canto suo TikTok, tramite un portavoce, ha fatto sapere di avere eliminato i video: “La sicurezza e il benessere dei nostri utenti è una priorità assoluta. Non consentiamo contenuti che incoraggiano, promuovono o esaltano sfide pericolose che potrebbero causare lesioni. Rimuoviamo questa tipologia di contenuti e incoraggiamo gli utenti a segnalarci contenuti che ritengono possano violare le nostre Linee Guida della Community”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Doodle di Google dedicato oggi a Roberto Gomez Bolaños: ecco chi è il comico conosciuto come “Cecco della Botte”

next
Articolo Successivo

Alberto Angela si scaglia contro un paparazzo: “Cancella le foto, mio figlio è minorenne”. La lite degenera, interviene la polizia

next