È stato leggermente terrificante”. Così Kate Middleton ha definito in un’intervista a Happy Mum Happy Baby la foto di rito scattata il 22 luglio 2013 davanti al St. Mary’s Hospital di Londra, dopo la nascita del primogenito suo e di William, il principino George. Uno scatto in cui la Duchessa di Cambridge è apparsa, perfetta, sorridente, a poche ore dal parto, reggendo tra le braccia il neonato. “Tutti erano stati così bendisposti e sia io che William sapevamo che questo era qualcosa di cui tutti erano entusiasti – ha spiegato -. Siamo estremamente grati per il supporto che le persone ci hanno mostrato e per noi era importante condividere con loro quella gioia, ma allo stesso tempo avevamo un neonato, eravamo genitori inesperti, con l’incertezza di ciò che significava, quindi c’era ogni sorta di emozioni contrastanti”, ha spiegato la moglie dell’erede al trono d’Inghilterra.

Come vuole la tradizione, William e Kate non sapevano il sesso del nascituro e erano talmente preoccupati dal fatto di dover diventare genitori da aver fatto addirittura delle prove con una bambola, come ha rivelato lei nell’intervista. “Pensi che tutto tornerà com’era prima, ma ho completamente sottovalutato l’impatto che avrebbe avuto sulla nostra vita – ha proseguito -. Per chi non ha figli può essere difficile da capire. È servito un po’ di tempo per sistemarci e riprenderci, ma questa è la bellezza, suppongo, di avere un neonato. Esplori luoghi più difficili e sconosciuti, a cui non avevi mai pensato prima”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, parla il medico di Vittorio Cecchi Gori: “Mi sorprende che la Rusic vada in tv a dire di essergli stata vicino”

next
Articolo Successivo

Alessia Marcuzzi: “Elodie ha ragione. Se una donna è magra si può insultare come nulla fosse. E’ comunque body shaming”

next