La Lega non ha rivali ma sembra disperdere progressivamente il suo consenso, fino a perdere 6 punti in 7 mesi, cioè dal suo massimo – secondo i sondaggi – toccato proprio prima della crisi estiva scatenata dal leader Matteo Salvini. Ma la flessione di voti (virtuali) del Carroccio non coincide con un trascinamento in basso del centrodestra. Anzi: la coalizione resta alla stessa quota (48,5) perché le preferenze in uscita sono tutte recuperate dai Fratelli d’Italia che da luglio ad oggi hanno raddoppiato, dal 6,2 al 13,1. I dati sono quelli di Demos&Pi per Repubblica che mette in evidenza anche che da una parte il governo Conte continua ad avere una fiducia (44, in aumento rispetto a dicembre) che va oltre all’insieme dei valori dei 4 partiti che lo sostengono (42) e dall’altra sulla prescrizione i favorevoli alla riforma Bonafede sono in lieve vantaggio, ma che la spaccatura è soprattutto all’interno dell’elettorato di Italia Viva (con una punta di distacco a favore dei sì).

La prima tabella riguarda le intenzioni di voto. La Lega, come detto, è di gran lunga la prima forza politica: nonostante il calo progressivo da luglio ad oggi, si attesta comunque al 29,2 per cento. Riduce la distanza il Pd che ora vede i leghisti a meno di 10 punti (sempre parecchi): i dem sono al 20,6 e si riavvicinano dunque al 22,5 di luglio, prima della scissione di Matteo Renzi avvenuta a settembre.

Va male invece al M5s che Demos&Pi dà al 14,4: ha perso oltre tre punti da dicembre, solo due mesi fa, quando era a quota 18,1. Il dato è ancora più significativo per il fatto che i Fratelli d’Italia – come hanno sottolineato altri istituti di sondaggio proprio questa settimana – è praticamente a ridosso dei Cinquestelle: il partito di Giorgia Meloni viene stimato da Demos al 13,1, con un aumento di due punti in due mesi e di 7 da luglio. Vale la pena ricordare che la forza sovranista alle Europee di meno di un anno fa non era andata oltre il 6,5.

Fdi doppia in sostanza Forza Italia che resta stabile da mesi intorno al 6-7 per cento. In questa rilevazione Demos&Pi la dà al 6,2, comunque in calo rispetto alle Europee (8,8). Continua a non avere particolari svolte il percorso di Italia Viva che in questo caso è in risalita al 3,9, lo stesso gruzzolo di voti di ottobre. La visibilità avuta dai renziani in questi mesi di tira e molla prima sulla manovra e poi sulla riforma della giustizia e della prescrizione non sembrano aver prodotto grossi effetti nell’attenzione dell’opinione pubblica. Si tratta infatti di una cifra che va di poco oltre quella di Leu e la Sinistra (al 3,6, in rialzo rispetto a tutte le stime degli ultimi mesi) e di +Europa (al 2,6, anche in questo caso in ripresa).

Da cosa dipendono le tendenze incrociate di Lega e Fratelli d’Italia? Anche dal gradimento nei confronti dei rispettivi leader. Matteo Salvini è in fase calante: per Demos&Pi da dicembre ha perso la bellezza di 4 punti, dal 48 al 44, mentre Giorgia Meloni è stabile al 46 ed è diventata la prima inseguitrice del leader politico che ormai da un anno e mezzo non molla la prima posizione: il presidente del Consiglio Giuseppe Conte gode del sostegno del 52 per cento degli intervistati, peraltro in aumento rispetto a due mesi fa. Ilvo Diamanti su Repubblica a corredo del sondaggio spiega che si tratta della riproposizione del “dilemma della personalizzazione”. “Quando i partiti si personalizzano fino a diventare ‘personali’, tendono a logorarsi”. Di più: “Apparire spesso alimenta il consenso. Ma può generare assuefazione e delusione. Noia”.

Resta da capire se alla Lega con Salvini accadrà quello che è successo al Pd con Renzi e infine a Renzi stesso: la sua Italia Viva – come si vede – non va oltre il 4 per cento. Anche perché la sua fiducia personale (24 per cento, in calo di un punto) è superiore solo a quella di Vito Crimi (che è reggente da pochissimo) e Beppe Grillo (che riemerge in modo sporadico). L’ex premier è dietro a Carlo Calenda (25, un crollo dal 33), Roberto Speranza (26, +1), Silvio Berlusconi (28, -2), Giovanni Toti (30, -4), Luigi Di Maio (31, -5: peggior ribasso dopo Calenda), Dario Franceschini (34, -4). Nella top 5 – dopo Conte, Meloni e Salvini – entrano Emma Bonino (44 per cento, +1) e Nicola Zingaretti (37, +2).

Diamanti parla di “dilemma della personalizzazione” perché in realtà – con altre strategie e un altro modo di “apparire” – il gradimento ampio per Conte poi fa bene anche al suo secondo governo che ha un gradimento del 44 per cento, in aumento da ottobre (+4) e da dicembre (+2). E’ un valore che è al pari del governo Renzi pre-referendum (ottobre 2016) e all’ultimo periodo del governo Gentiloni (inizio 2018). La cosa curiosa è che il giudizio migliore sul governo è dato dagli elettori di sinistra (riconducibili a Liberi e Uguali) che promuovono l’esecutivo al 78 per cento. Seguono poi quelli del M5s (75) e del Pd (73). Più scettico chi vota Italia Viva (63), mentre tra gli elettori del centrodestra il gradimento crolla (previdibilmente) dal 25 per cento in giù.

Infine il tema su cui il governo Conte 2 ha rischiato la crisi (che ancora forse non è scampata): la prescrizione. Cosa ne pensano gli intervistati della riforma entrata in vigore dal primo gennaio? In totale il giudizio positivo è al 43 per cento, con un 8 per cento che risponde “molto“. Il dato è in calo rispetto a dicembre (quando i favorevoli erano al 48), quando è iniziata la campagna di Renzi. I contrari alla riforma sono comunque inferiori, al 39 per cento, stabili. C’è un 18 per cento che risponde “non sa/non risponde”. Nei due schieramenti (centrosinistra+M5s, cioè l’area di governo, e centrodestra) gli orientamenti confermano la linea delle rispettive forze politiche: si va dal 61 per cento di favorevoli tra i grillini al 51 tra i democratici e intorno al 51 di contrari in tutti i partiti a destra. L’unica eccezione è proprio Italia Viva il cui elettorato è spaccato quasi a metà. Paradosso e “dispetto” per Renzi è che comunque per un punto sono in più i favorevoli alla riforma Bonafede anche tra i suoi elettori: 47 a 46.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), Paola Taverna a Peter Gomez: “Io possibile nuovo leader del Movimento 5 stelle? Sono per board più ampio”

next
Articolo Successivo

Gregoretti, Di Pietro: “Salvini? Mi disturba ipocrisia e comportamento pilatesco di Conte e ministri. Sono tutti corresponsabili”

next