Far parte di una maggioranza nuova con Italia Viva e Lega? No. Sono necessarie chiarezza e proposte molto serie e coerenti per riprendersi da una crisi che peraltro sta arrivando in maniera molto pesante. Questa maggioranza ha davanti a sé un progetto, ma se questo progetto non si riesce a realizzare, bisogna prenderne atto e ridare la parola agli italiani“. Così, ai microfoni di “24 Mattino”, su Radio24, il presidente dei deputati del Pd, Graziano Delrio, risponde ai giornalisti Maria Latella e Simone Spetia, che gli chiedono la disponibilità dei dem a far cadere il governo Conte Due e a costituire una nuova maggioranza.

Fare pasticci o ammucchiate – spiega – non mi pare esattamente il caso. Certamente non siamo disponibili a fare maggioranze con la Lega. Non avrebbe nessun senso, perché abbiamo troppe idee diverse su troppi campi. La guerriglia di Italia Viva dentro il governo? Credo che faccia danno all’immagine e all’efficienza del governo. Quanto andranno avanti questi continui distinguo? Dipende da Italia Viva, è una domanda che bisogna fare a loro. Spero che i toni che si sono raggiunti in questo periodo sulla prescrizione e su altro non siano mantenuti, perché penso che anche quelli di Italia Viva non trarranno nessun beneficio da queste continue discussioni”.

E aggiunge: “Quando una squadra gioca a qualsiasi sport, nessuno dei giocatori si intesta la vittoria di una partita, ma tutti dicono che è merito del gioco di squadra. Quando c’è qualcuno che vuole troppo attribuirsi i meriti, alla fine lo spogliatoio non tiene più. Questa è la situazione in cui siamo. Non voglio e non oso pensare che queste distinzioni siano per problemi di visibilità. Mi auguro che esistano semplicemente per aiutare la discussione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Prescrizione, Renzi a IlFattoQuotidiano.it: “Le ministre di Italia viva salteranno il voto in Cdm. Il compromesso con il M5s? Potrà arrivare”

next
Articolo Successivo

Conte: “Italia viva fa opposizione maleducata. Non accettiamo ricatti”. Renzi: “Vuole cambiare maggioranza? Lo faccia”. Telefonata premier-Quirinale

next