Bagarre in Aula durante l’intervento di Matteo Salvini nel corso dell’esame al Senato della richiesta di autorizzazione a procedere per l’ex ministro sul caso Gregoretti: “Sono un testone”, ha rivendicato il leader della Lega, prendendo la parola in Aula. “Affronto un’aggressione politica. Facciamo decidere a un giudice, una volta per tutte”, ha continuato, attaccando prima l’assenza del governo a Palazzo Madama poi la maggioranza. “Decidete su qualcosa, vi tiene uniti soltanto la battaglia contro Salvini”, ha detto l’ex ministro, convinto di uscire dal processo “a testa alta”. Nelle tribune, a dar sostegno a Salvini era presente anche la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Ritengo di aver difeso la mia patria, non chiedo un premio però se ci dev’essere un processo che ci sia – ha dichiarato in Aula Salvini – Non andrò a difendermi ma a rivendicare con orgoglio quello che abbiamo fatto”. Poi ha ribadito un concetto più volte espresso: il consenso da parte dei ministri del Conte 1. “O c’erano ed erano d’accordo – ha spiegato il leader della Lega – O c’erano e non hanno capito”. I senatori, alla fine, hanno deciso di mandare a processo Salvini, accusato dal tribunale dei ministri di Catania di sequestro di persona per i 131 migranti che rimasero bloccati quattro giorni sulla nave della Marina militare, prima di sbarcare ad Augusta il 31 luglio scorso.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Gregoretti, tensione in Aula dopo l’intervento di Salvini. Scontro tra De Vecchis (Lega) e Marco Pellegrini (M5s). Il questore De Poli li divide

next
Articolo Successivo

Via per Borrelli a Milano, Sala: “Mi soddisfa l’iscrizione al Famedio del Monumentale, per la strada non deroghiamo a regola dei 10 anni”

next