“Innanzi tutto mi permetta un commento visivo. Se in quest’aula c’è oggi qualcuno che scappa, che ha paura e che è assente non è fra i banchi della Lega, ma fra quelli del governo”, con quest’incipit l’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, al Senato per il voto per mandare a processo il leader leghista per il caso della nave Gregoretti, ha iniziato il suo intervento in Aula, applaudito dai colleghi dell’opposizione. Subito però è arrivata la replica della presidente, Maria Elisabetta Casellati: “Non era prevista la presenza del governo”. Alla fine, i senatori hanno votato sì al processo contro Salvini che è accusato dal tribunale dei ministri di Catania di sequestro di persona per i 131 migranti che rimasero bloccati quattro giorni sulla nave della Marina militare, prima di sbarcare ad Augusta il 31 luglio scorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prescrizione, Bonafede: “No ad altre mediazioni, l’accordo di maggioranza è sul lodo Conte bis”

next
Articolo Successivo

Prescrizione, bocciato in commissione il lodo Annibali per rinviare la riforma. I renziani votano di nuovo con Lega, Forza Italia e Fdi

next