Era stata messa in quarantena al ritorno da un viaggio nella provincia cinese dell’Hainan. Si era presentata alla clinica Botkinskaya di San Pietroburgo e aveva mal di gola. Risultata negativa ai test del coronavirus, era stata comunque trattenuta in osservazione per due settimane, come da prassi. Ma dopo due giorni Alla Ilyina, 32 anni, è fuggita: ha ‘scassinato’ la serratura magnetica ed è scappata. “Era una gabbia, non capisco perché avrei dovuto rimanere”, ha raccontato al Moscow Times.

La donna ha anche pubblicato un video su Instagram in cui spiega dettagliatamente come ha fatto a fuggire dalla clinica. “Prima ho disegnato una mappa e fatto un piano dettagliato. Quando è arrivata la sera e il personale medico ha abbassato la guardia, ho messo in corto circuito la serratura magnetica nella mia stanza e ho aperto la porta: ho studiato fisica, il che mi ha aiutato”, ha raccontato Ilyina. “La nostra Costituzione garantisce la libertà, non capisco perché dovevo stare in gabbia in ospedale”, ha dichiarato al giornale.

Il primario della clinica, Alexei Yakovlev, ha però usato parole di fuoco con la testata Fontanka, di San Pietroburgo. “La ragazza – ha detto – ha ricevuto un ordine dal Rospotrebnadzor (l’Autorità sanitaria, ndr) per il ricovero e l’osservazione per 14 giorni in ospedale. In caso di minaccia di diffusione di malattie particolarmente pericolose il responsabile sanitario ha il diritto di introdurre misure restrittive. In alcuni casi, se ciò comporta conseguenze per altri, la responsabilità penale non è esclusa”. Il primario ha poi detto di aver denunciato la ragazza alla polizia. Ilyina ha raccontato di essere scappata venerdì 7 febbraio e dice che da allora non è stata contattata né dalla polizia né dall’ospedale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, Di Maio incontra al-Sarraj. “Rischio terrorismo da non sottovalutare”. Conte chiama Putin: “Lavorare con le parti in campo”

next