“Che vuol dire reale?”. Se Matrix e la neuro-simulazione interattiva in cui vivono gli esseri umani erano solo un film, l’esperimento prodotto in Corea del Sud dalla Munhwa Broadcasting Corporation e intitolato “I met you”, non è solo un documentario. Perché Jang Ji-sung grazie alla tecnologia digitale ha potuto riabbracciare la sua Nayeon, la figlia persa per un male incurabile a soli sette anni. Questo perché la realtà virtuale oggi è sempre più presente nel quotidiano e a grandi passi sta rivoluzionando diversi aspetti delle nostre vite, tra cui il concetto di perdita e di lontananza. L’emittente sudcoreana ha ricreato in una simulazione l’immagine digitale della piccola Nayeon e ha dato alla mamma Jang gli strumenti per entrare nel sogno: un visore VR e dei guanti capaci di replicare le sensazioni tattili.

Quando il mondo virtuale si è acceso, Jang non poteva credere ai propri occhi: davanti a sé aveva la sua Nayeon. Qui la realtà virtuale è diventata reale, insieme mamma e figlia hanno trascorso una giornata intera, dalle prime nostalgiche e commoventi carezze fino alla torta e alle candeline che Nayeon è riuscita a spegnere per il compleanno, tutto sotto un cielo colorato e la luce delle stelle. Mentre Jang e Nayeon ridevano di nuovo insieme, il papà e le sorelle della piccola osservavano, piangevano, tornavano piano piano alla vita dopo la morte, in un equilibrio tra sogno e veglia. Il documentario ha richiesto circa 8 mesi di lavorazione per ricostruire l’aspetto e la voce della piccola mentre con la motion capture sono stati riprodotti i movimenti e le espressioni del viso. Da Matrix a Black Mirror, i film spesso hanno mostrato i limiti e le pericolose derive che scienza e tecnologia possono prendere ma allo stesso tempo le hanno ispirate ad andare sempre un po’ più in là. E oggi, una volta di più, dobbiamo chiedercelo: che cosa vuol dire reale?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sasso lanciato dal cavalcavia colpisce un’auto: a bordo c’erano gli attori Stefano Fresi e Alessandro Benvenuti. “Poteva essere una tragedia”

next
Articolo Successivo

Sassi dal cavalcavia, colpita l’auto di Stefano Fresi e Alessandro Benvenuti: “Buttate sempre un occhio ai viadotti, poteva succedere una tragedia”

next