“Un bene non è perché è una disgrazia incredibile. Certo ci sono state delle condizioni che non voglio definire favorevoli, ma nella prima vettura c’era un solo passeggero, nella seconda due, nella terza uno. E questo ha favorito che la tragedia non fosse ancora più grave”, così il prefetto di Lodi, Marcello Cardona commenta l’incidente ferroviario avvenuto nel Lodigiano che ha coinvolto un treno Frecciarossa partito da Milano Centrale e diretto a Salerno che ha causato la morte di due persone e il ferimento di 27 passeggeri. “A noi risulta una manutenzione sistematica, fatta tutti i giorni. Se poi ci sia una connessione con quanto successo sono questioni che il procuratore della Repubblica, il dottor Chiaro, poi dipanerà, ma è troppo presto”, continua Cardona che rassicura sullo stato delle ferrovie italiane. “C’è da temere per le ferrovie? Assolutamente no”, conclude.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidente Frecciarossa: i 2 macchinisti morti sono Giuseppe Cicciù e Mario Di Cuonzo. Impiegati sull’Alta Velocità fin dalla sua nascita

next
Articolo Successivo

Luca Parmitano, l’astronauta è tornato sulla Terra: la navetta ha toccato il suolo in Kazakistan. Conclusa la missione Beyond

next