Francesco Sarcina al Festival di Sanremo, Clizia Incorvaia al Grande Fratello Vip. Le Vibrazioni, di cui Sarcina è il leader, sul palco dell’Ariston dal 4 all’8 febbraio si esiscono sulle note di “Dov’è” mentre l’influencer si è rinchiusa nella casa più spiata d’Italia. La fine di un matrimonio, celebrato nel 2015, ha generato numerosi risvolti mediatici che per settimane hanno occupato le pagine delle riviste rosa. “Clizia Incorvaia lascia il marito Francesco Sarcina causa rovente passione per il migliore amico di lui. E chi sarebbe? Udite udite… Riccardo Scamarcio“, aveva lanciato la bomba il settimanale Oggi.

La coppia, che il pubblico aveva imparato a conoscere anche grazie alla partecipazione a Pechino Express, era tornata insieme quattro mesi dopo la loro separazione. Un ritorno di fiamma durato poco, la versione fornita da Oggi era stata confermata a stretto giro proprio da Sarcina: “Quando mia moglie mi ha confessato di avermi tradito con Scamarcio, mi ha devastato. Riccardo è stato il mio testimone di nozze, un amico, un fratello. Mi sono sentito pugnalato ovunque. L’episodio con Riccardo risale a mesi fa, è isolato ed è stata lei a confessarmelo. Fine. Clizia resta la donna che mi ha dato una figlia meravigliosa e che ho profondamente amato, la donna che ho deciso di sposare con una cerimonia all’americana da pazzi, perché il mio era un amore pazzesco. Quando mi ha confessato tutto eravamo in macchina. Giuro, ho vomitato. Sono sceso e ho iniziato a disperarmi peggio di quando ho perso mio padre”, ha raccontato al Corriere della Sera.

Dalle pagine dello stesso quotidiano era arrivata la replica dell’influencer di Pordenone: “Vivo una gogna mediatica, ricevo immagini e insulti raccapriccianti. Io e lui ci eravamo già lasciati, specifico meglio le date: il 16 novembre avevamo firmato il ricorso per una separazione consensuale, avviata a settembre. Di quanto è successo dopo non sono tenuta a render conto. Ma posso dire che ero uscita di casa il 13 novembre e, due giorni dopo, torno a prendere dei vestiti e lo trovo in cucina con una tipa. Ho un video che non userò. Quest’uomo così ferito e innamorato parla di un’infedeltà che non c’è, in quanto eravamo separati. Lui sbaglia a coinvolgere terze persone e io non ne coinvolgerò altre”. Su Scamarcio aveva frenato: “Quello che è successo oppure no è la mia vita privata“.

Una vicenda su cui l’attore non si è mai espresso. La Incorvaia è, invece, tornata ad attaccare il marito a Live-Non è la D’Urso lanciando accuse molto precise: “Ho vissuto due anni sola a casa, con mia figlia Nina, l’ho cresciuta sola tipo ragazza madre. E lui ogni giorno in giro, fuori fino alle sei di mattina. Poi mi arrivavano le segnalazioni di ragazze che erano state con lui. Ho trovato delle chat su Facebook con le fan, di lui che mandava messaggi a ragazze italiane approfittandosene e chiedendo incontri in cambio di materiale pornografico”. Pochi mesi dopo la Incorvaia è entrata nella casa del Grande Fratello Vip.

Sarcina, che ha gareggiato a Sanremo anche da solista, è papà di Tobia, nato da una relazione precedente, e di Nina, nata invece dall’amore con la Incorvaia. Nelle scorse settimane in un’intervista a Leggo non ha nascosto il dispiacere per aver visto la sua vita privata in pubblica piazza: “La mia vita è stata resa vergognosamente pubblica e in modo diffamatorio. Cambia, ma in meglio. Ed è una figata. Non faccio gossip. Dico che siamo nell’era narcisista: facile dedicarsi ai figli sui social, il difficile è starci. E degenerato è chi mette i figli sui social perché non ha altro da dire. La felicità sta nelle piccole cose. Non nei milioni di like. In Dov’è si parla del doversi perdere prima di ritrovare la via”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Super Bowl 2020, lo spot che “mette a nudo” Jason Momoa: in un minuto perde muscoli e capelli

next
Articolo Successivo

Sanremo 2020, Nicola Savino su Elisabetta Gregoraci: “Non ho mai pensato a lei per l’Altro Festival. Qualcuno ha preso in giro me e lei””

next