È stata oltraggiata e danneggiata la targa dedicata a Giuseppe Pinelli in piazza Segesta. Dopo la strage di piazza Fontana l’anarchico e partigiano fu trattenuto per accertamenti dalla polizia di Milano e morì nella notte tra il 15 e il 16 dicembre 1969 precipitando da una finestra della questura. A denunciare l’accaduto è Roberto Cenati, presidente provinciale dell’Anpi di Milano, che lo definisce una “gravissima provocazione” e chiede alle autorità “di individuare i responsabili di questo ignobile atto”.

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha scritto su Facebook che “non basterà quanto accaduto la scorsa notte in piazzale Segesta a fermare la nostra volontà di restituire a Giuseppe Pinelli giustizia e rispetto”. Il primo cittadino ha ricordato che il 12 dicembre alla presenza del presidente della Repubblica sono state commemorate le vittime della strage di Piazza Fontana e che pochi giorni prima era stato lui a inaugurare la lapide e a chiedere scusa alla famiglia Pinelli. “Posso già dire che rimetteremo una nuova lapide lì dove l’abbiamo posata – ha concluso Sala – a testimonianza di una città che conosce, vuole e difende la verità“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista