“Non ne ho ancora sentito parlare, non l’ho letto”. Così, dopo un convegno organizzato alla Camera sulla “cittadinanza digitale” al quale ha preso parte come relatore, Davide Casaleggio ha risposto ad alcune domande in merito al documento di un gruppo di senatori 5stelle che chiede che la piattaforma Rousseau non sia più gestita dala sua azienda. “Rousseau’ è sicuramente la voce degli iscritti e questo deve continuare a essere”. Altro punto molto dibattuto e che ha creato malumori tra i parlamentari è il contributo di 300 euro alla piattaforma. “Io non ricevo nessun fondo – spiega il figlio del fondatore del M5s – non mi pago nessuno stipendio e da quindici anni lavoro gratuitamente per il Movimento e ho sviluppato ‘Rousseau’ in modo completamente volontario. Quel contributo – conclude – adesso è utile per lo sviluppo della piattaforma”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, Fassina: “Dovrebbe essere una lezione e invece viene ancora spiegata in modo sbagliato. Il mercato unico europeo non funziona”

next