La nave dell’ong spagnola Open Arms, con 343 migranti a bordo, è attraccata nel porto di Pozzallo, in provincia di Ragusa. La nave aveva compiuto cinque interventi di soccorso al largo della Libia e ha ricevuto l’autorizzazione a sbarcare dal Viminale dopo il rifiuto di Malta. Il via libera è arrivato in seguito all’attivazione del meccanismo europeo per la ripartizione dei migranti. Le operazioni di sbarco sono più lunghe del previsto: anche i passeggeri della Open Arms sono stati sottoposti ai controlli sanitari imposti dopo la dichiarazione dello stato d’emergenza in Italia.

I migranti sono stati soccorsi in 5 diverse operazioni e sulla banchina sono stati accolti da medici e ambulanze: un dispiegamento imponente, trattandosi del primo sbarco dopo l’emergenza sanitaria. Sulla nave è salito il medico di porto, Vincenzo Morello, insieme a tre colleghi. “Ora Europa le accolga e garantista i loro diritti”, scrive in un tweet la ong Open Arms.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, “la festa è organizzata da una famiglia vicina ai clan in onore del capostipite”: Decaro blocca il ‘rito’ al quartiere Libertà

next
Articolo Successivo

Enrico De Pedis, tutti i misteri che avvolgono il boss della Magliana a trent’anni dalla morte

next