Asia Argento torna a parlare del #metoo e lo fa in occasione del Festival du Film Fantastique di Gérardmer, del quale sarà presidente di giuria. A intervistarla è Le Monde. “All’inizio si trattava di denunciare gravi abusi di potere – ha raccontato l’attrice – Ma con il tempo questa vena militante si è dilapidata. #Metoo è diventato un prodotto hollywoodiano, qualcosa che instupidisce, di un po’ finto e bigotto. Un pass, un vestito da sera e basta. La Democrazia Cristiana in tutto il suo splendore”. E sull’Italia, che Asia aveva accusato di non aver capito a pieno l’importanza del movimento e di non averla sostenuta durante le sue battaglie, ha aggiunto: “Non penso più che lo sia (una cattiva madre, ndr). All’inizio del caso Weinstein, i media di destra mi avevano assalita in modo abbastanza disgustoso. Da allora, c’è stato un bel risveglio delle coscienze”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kobe Bryant, la moglie Vanessa rompe il silenzio: “Sono completamente devastata, mi è impossibile immaginare la vita senza lui e Gigi”

next
Articolo Successivo

Max Biaggi ha un nuovo amore: ecco chi è Araba Dell’Utri

next