Ha confessato Andrea Pavarini. A 24 ore dal suo fermo, il 32enne ha ammesso le sue responsabilità: è stato lui a uccidere sabato sera Francesca Fantoni, la 39enne trovata morta in un parco pubblico di Bedizzole (Brescia) lunedì mattina. Sul corpo della donna erano ben visibili i segni di strangolamento. Dettaglio che aveva già convinto i carabinieri ad aprire un’indagine, coordinata dalla Procura, per omicidio volontario.

A far crollare l’uomo durante l’interrogatorio in carcere di Brescia questa mattina è stata una prova fornita dagli inquirenti: il sangue, il cui profilo genetico corrisponde a quello della vittima, ritrovato sulla felpa che Andrea Pavarini indossava la sera dell’omicidio, prima di gettarla tra i panni sporchi nella lavanderia del suo appartamento. Così l’uomo alla fine ha ceduto e ha ammesso il delitto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Assalto a portavalori sulla A1, barriere di auto bruciate e chiodi sull’asfalto: il furgone blindato si è rifugiato in un autogrill

next
Articolo Successivo

Trapani, massacrata di botte per 3 giorni fino alla morte: fermato il marito che la donna aveva già denunciato

next