Sono il figlio segreto del principe Carlo d’Inghilterra e di Camilla Parker Bowles“, nato negli anni sessanta quando i due già si frequentavano: è quanto sostiene Simon Dorante-Day, 53 anni, inglese di nascita ma adottato a 18 mesi da una famiglia in Australia, dove vive e lavora come ingegnere. Si fa chiamare ‘Prince Simon‘, malgrado le risate che ammette lui stesso di suscitare quando ne parla seriamente, e – scrive oggi il Daily Mail online – intende battersi legalmente per farsi prendere sul serio e ottenere dall’Alta Corte di Sydney un test del Dna dalla Famiglia reale. In un’intervista al settimanale New Idea, il 53enne ha annunciato di avere depositato in tribunale un’azione legale contro il ducato di Cornovaglia, residenza ufficiale del principe Carlo, con lo scopo di diventare secondo nella successione al trono britannico, al posto del principe William.

Con la Famiglia reale britannica ‘Prince Simon’ ama posare in dei fotomontaggi che pubblica sui suoi profili social: in uno di questi appare in primo piano insieme ai suoi presunti parenti blasonati riuniti attorno alla regina Elisabetta. E a chi gli fa notare che due genitori con occhi azzurri non potrebbero far nascere un bambino con gli occhi castani come i suoi, lui oppone una foto in parallelo di sé accanto al figlio di Camilla, Tom Parker Bowles.

Simon sostiene che i suoi nonni adottivi lavorassero per la Famiglia Reale quando nacque lui nel 1966: la madre Winifred come cuoca, il padre Ernest come giardiniere. La figlia di Winifred e Ernest, Karen e suo marito, David Day, lo adottarono quando aveva solo 18 mesi e andarono a vivere in Australia. Figlio dello ‘scandalo’ messo a tacere, dunque? Secondo lui, riferisce ancora il Daily Mail online, le recenti decisioni di Harry e Meghan di lasciare i loro obblighi reali per trasferirsi in Canada hanno coperto il fatto che al vertice di famiglia di Sandringham se ne sarebbe dovuto parlare. E, nientemeno, la principessa Diana morì quando stava per rivelare la ‘scomoda verità’. “Sono anni che Carlo, Camilla e la Regina cercano di nascondere la verità su di me, ma ora basta“, ha tuonato l’uomo.

Visualizza questo post su Instagram

This man Simon Dorante-Day, claims to be the love child of Prince Charles and Camilla, Duchess of Cornwall. He is trying to get the royals to take a DNA test. Born in 1966, he was adopted out at 18 months old, and has suggested in some media, although he doesn’t know for sure that he may have been with Camilla for 18 months, but in other media he says he doesn’t know where he was. Charles and Camilla would have been teenagers at the time he was born if this is true. But it is thought they didn’t meet until they were older. I find his claim hard to believe. I don’t see a resemblance myself. Do you? What do you think? Could he be theirs? Could he be just Camilla’s with another man? I wonder why he hasn’t taken a simple Ancestry DNA test which would show if he was related to any distant Royal relatives. Simon has a public Facebook page. His username is @princesimoncharles. It reminds me of the case of the New Zealand man who’s mother claimed he was Prince’s (the late singer) son. Of course DNA proved this to be false. . . . . . . #dna #lovechild #princecharlesandcamilla #charles #camilla #simondoranteday #adoption #royals #royalscandal #scandal #isittrue #queenelizabethii #ladydiana #princessdiana #parkerbowles #camillaparkerbowles #andrewparkerbowles #clarencehouse #kensingtonpalace #duchesscatherine #duchessmeghan #PrinceWilliam #Princeharry #PrinceCharles #princessbeatrice #princesseugenie #royalchristmas #zaraphillips

Un post condiviso da Royal Life Europe ???? (@royal_life_europe) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michela Murgia critica Levante: “Sei una donna funzionale alla continuazione del sistema misogino”

next
Articolo Successivo

Superenalotto, vinti oltre 67 milioni di euro con una schedina da 2 euro

next