Mentre le polemiche su Sanremo non accennano ad affievolirsi, c’è qualcuno di cui tutti si sono dimenticati. E sì che doveva essere uno dei protagonisti del Festival. “È l’amico è, qualcosa che più ce n’è meglio è…“: avete presente la canzone di Dario Baldan Bembo? Ebbene, di amici più ce n’è E meglio è, si sa. E Amadeus, circondato dalle polemiche come la nocciola dal cioccolato nel bacio perugina, di amici ne aveva e ne ha ancora bisogno. Uno dei suoi più cari, Fiorello, il Magnifico di RaiPlay, ha deciso di essere accanto al conduttore sul palco dell’Ariston. Così anche Nicola Savino, altro amico di gioventù del “nostro” Ama, che sarà invece a L’AltroFestival.

Ma c’è qualcuno, quel qualcuno di cui tutti sembrano essersi dimenticati, che invece si è dato (letteralmente) alla macchia. Nessuno sa dove si trovi. “Chi lo sa che faccia ha, chissà chi è”? Non proprio. A differenza di Lupin col quale pure condivide in qualche modo la fisicità e il passo sghembo, lo conoscono tutti. Eppure, come Lupin, è riuscito a sparire. Svaporato. Quello che sappiamo è che, a un certo punto, proprio lui che doveva salire su palco dell’Ariston insieme ad Amadeus e Fiorello, come si erano promessi 20 anni fa, ha deciso di volar via. Un viaggio in bicicletta, pare. Ora, la bici è la sua passione sicché lui ha prenotato la partenza proprio la settimana prima che iniziasse la kermesse e se n’è andato. Due foto pubblicate sul suo profilo Instagram indicano che potrebbe trovarsi ovunque. Chi dice Cile, chi Patagonia, chi Tenerife. Lui tace. Chissà se si gode lunghe pedalate col ghigno di chi sa d’aver scampato un Festival ad altro tasso polemico. Quel che è certo è che si tratta di un ragazzo fortunato, perché gli hanno regalato una via di fuga da Sanremo e forse anche un po’ di paraculaggine.

p.s (E se quelle foto fossero solo un tentativo di depistaggio e lo vedessimo apparire sul palco di Sanremo insieme ai suoi amici? “È un silenzio che vuol diventare musica da cantare in coro io con te“)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Si chiude fuori sul balcone mentre la compagna fa sesso: denunciato per favoreggiamento della prostituzione

next
Articolo Successivo

Thomas Markle pronto a testimoniare contro la figlia Meghan in tribunale: “Pronto a fare rivelazioni scottanti”

next