Tiziano Ferro svela in una video intervista doppia con sé stesso, tutto (o quasi) quello che farà al prossimo Festival di Sanremo, dal 4 febbraio. “Non avrei mai pensato nemmeno sotto tortura che avrei fatto cinque serate di Sanremo”, dice subito il cantautore. E aggiunge che dal 1997 che sogna di andare all’Ariston e che è legato all’edizione 1995 del Festival: “Quando vinse Giorgia con ‘Come saprei’, ma in quell’anno c’erano tutte hit. Avevo solo 15 anni e avrei fatto qualsiasi cosa per esserci”.

Secondo Ferro, Amadeusha fatto la cosa giusta a chiamarmi, perché non vedevo l’ora! I miei genitori sono scioccati e contenti”. E poi si entra nel merito di cosa farà a Sanremo: “Anzitutto canterò – dice – ho due idee, canterò alcuni dei miei successi e poi visto che il Festival compie 70 anni, 40 dei quali fanno parte della mia vita, canterò le canzoni che hanno contraddistinto i miei Sanremo: ‘Almeno tu nell’universo’ di Mia Martini perché nessuna come lei guardava la galleria dell’Ariston e ci gridava ‘Almeno tu nell’universo‘ e noi tutti le credevamo. Poi: ‘Nel blu dipinto di blu‘ di Modugno, perché un giorno, camminando vicino al museo dei Grammy a Los Angeles, ho visto il nome di Modugno inciso sulla stella di marmo e mi sono emozionato”.

Visualizza questo post su Instagram

Tutto su Sanremo!!! — All about Sanremo!!! — Todo sobre Sanremo!!! #sanremo2020 #perchesanremoesanremo

Un post condiviso da Tiziano Ferro (@tizianoferro) in data:


Tra i duetti previsti quello con Massimo Ranieri, che sarà tra gli ospiti della kermesse. “Era il 1988, Ranieri termina ‘Perdere l’amore’ per la sua prima esibizione, nel salotto di casa mia cade il silenzio e mio padre dice ‘questo vince!’”, ricorda Tiziano. Poi ci sarà spazio per un’altra sorpresa. “C’è un progetto nuovo e inatteso – svela – un documentario a cui lavoro da anni, che andrà a giugno in onda in anteprima su Prime Video. Un’opera che mi racconta alla luce dei 40 anni quasi compiuti, che nasce dall’urgenza di dire qualcosa di me in più, rispetto a quello che si sa già e si intitolerà Ferro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vasco Rossi, medaglia in onore del padre antifascista. Il rocker: “Importante in un momento in cui tornano sirene autoritarie e demagogiche”

next
Articolo Successivo

Meghan e Harry, un milione di dollari per apparire insieme in pubblico e 8 per scrivere un libro: ecco quanto potrebbero guadagnare i Duchi del Sussex

next