L’attore Francesco Benigno è stato ospite a Vieni da Me e a Caterina Balivo ha rivelato la sua infanzia difficile. Dodicesimo di tredici fratelli, ha perso la mamma quando aveva solo nove anni ed è stato cresciuto dal padre: “Era un giocatore d’azzardo: se vinceva andava bene, ma se perdeva erano guai. Mi metteva le catene alle caviglie per non farmi uscire di casa. In inverno stavo in collegio e in estate in colonia, non tornavo a casa nemmeno per Natale. Mamma si faceva in quattro per i figli, ma eravamo tanti”, ha raccontato l’attore lanciato da Mario Risi con “Mery per sempre” e “Ragazzi fuori“.

Il suo rapporto con il padre, ha spiegato, non è stato facile: “Ho la testa piena di cicatrici perché ne ho prese tante però sono qui, ce l’ho fatta. Me ne andai di casa una prima volta, uno dei miei fratelli mi convinse a tornare ma mio padre mi rempì di botte“. A 14 anni riuscì ad andarsene definitivamente di casa e non ha potuto fare altro che vivere per strada: “A Palermo negli anni Ottanta, era un rischio quotidiano. Per nove anni ho dormito dappertutto e sono finito in carcere per qualche furtarella. Poi ho conosciuto un ragazzo che mi ha accolto a casa sua, da lì è cambiato tutto, ho trovato il calore di una famiglia che mi era mancato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni regionali, Rocco Siffredi: “Lucia Borgonzoni? È molto figa ma non mi piacciono gli estremisti. Jole Santelli estremamente sexy se non l’ha mai data a Silvio Berlusconi”

next
Articolo Successivo

Festival di Sanremo 2020, reunion a sorpresa dei Ricchi e Poveri a 50 anni da “La prima cosa bella”. Fiorello esulta: “Voglio essere il quinto!”

next