Il ministero della Salute ha disposto, a scopo cautelativo, il richiamo di diverse confezioni di uova biologiche per possibile contaminazione microbiologica, e di diversi lotti del formaggio Puzzone di Moena per possibile contaminazione da Listeria Monocitogenes. Nel caso delle uova biologiche, come spiegano gli avvisi pubblicati sul sito del ministero, il richiamo riguarda le confezioni da quattro dei marchi Amadori, Cascina Italia e Conad Verso Natura (lotto 5528139926), con data di scadenza 8 febbraio. Non vanno consumate e devono essere restituite al punto vendita in cui sono state acquistate.

Circa il formaggio, venduto sotto i marchi Trentin Spa e Regione che vai (quest’ultimo nei punti vendita Aldi), il richiamo riguarda i lotti 21324, 21324A e 21324N. Anche in questo caso si invitano i consumatori a non mangiare il formaggio e a riportarlo dove l’hanno acquistato.

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migrante morto nel Cpr, Gabrielli: “Offensivi i parallelismi col caso Cucchi”. Magi: “È urgente fare chiarezza, ci vuole un’inchiesta rapida”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, primo caso sospetto in Italia: una donna ricoverata al Policlinico di Bari. Ma le prime analisi sembrano escludere contagio

next