Il ministero della Salute ha disposto, a scopo cautelativo, il richiamo di diverse confezioni di uova biologiche per possibile contaminazione microbiologica, e di diversi lotti del formaggio Puzzone di Moena per possibile contaminazione da Listeria Monocitogenes. Nel caso delle uova biologiche, come spiegano gli avvisi pubblicati sul sito del ministero, il richiamo riguarda le confezioni da quattro dei marchi Amadori, Cascina Italia e Conad Verso Natura (lotto 5528139926), con data di scadenza 8 febbraio. Non vanno consumate e devono essere restituite al punto vendita in cui sono state acquistate.

Circa il formaggio, venduto sotto i marchi Trentin Spa e Regione che vai (quest’ultimo nei punti vendita Aldi), il richiamo riguarda i lotti 21324, 21324A e 21324N. Anche in questo caso si invitano i consumatori a non mangiare il formaggio e a riportarlo dove l’hanno acquistato.

Foto di archivio

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migrante morto nel Cpr, Gabrielli: “Offensivi i parallelismi col caso Cucchi”. Magi: “È urgente fare chiarezza, ci vuole un’inchiesta rapida”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, primo caso sospetto in Italia: una donna ricoverata al Policlinico di Bari. Ma le prime analisi sembrano escludere contagio

next