Paragonare il caso della morte del cittadino georgiano Vakhtang Enukidze, detenuto nel Cpr di Gradisca, a quello di Stefano Cucchi, avanzato dal deputato radicale Riccardo Magi, è un “parallelismo a dir poco ardito”. È questo il giudizio del capo della Polizia, Franco Gabrielli, su “una vicenda che non è stata ancora definita” con il caso del geometra romano, morto nel 2009 dopo un arresto per droga, per il quale “sono stati impegnati anni e processi”. “Lo trovo assolutamente offensivo”, aggiunge il prefetto.

“In queste ore ci sono state delle affermazioni gravissime: dire che questa persona è morta per le percosse subite quando c’è un’indagine in corso e deve ancora essere effettuata l’autopsia è a dir poco ardito”, la spiegazione di Gabrielli che chiede “un po’ più di rispetto”. Il capo della Polizia si dice “molto basito” nel leggere “certe cose”: “Come mi preoccupano i postulati per cui gli stranieri sono tutti spacciatori e tutti coloro che professano la religione islamica sono terroristi, stigmatizzo chi parte dal presupposto che i poliziotti siano tutti picchiatori”.

A sollevare il caso del georgiano morto al Cpr di Gradisca d’Isonzo è stato il deputato di Radicali +Europa, Riccardo Magi che oggi torna a ribadire: “È urgente fare chiarezza, che ci sia un’inchiesta rapida, che si approfondiscano tutte le questioni gravi emerse”. Enukidze, 38 anni, è deceduto sabato scorso nel centro di permanenza per il rimpatrio vicino Gorizia: nelle due visite effettuate nella struttura di Gradisca domenica e lunedì, il parlamentare ha raccolto testimonianze da parte di un gruppo degli ospiti del Centro, “riferite poi alla Procura” che indaga ora per omicidio volontario e ha già ascoltato alcune persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Perché ancora una volta do ragione a Ratzinger

next
Articolo Successivo

Ministero della Salute ritira dal mercato uova biologiche Amadori, Cascina Italia e Conad. Richiamo anche per formaggio “Puzzone di Moena”

next