Spacciavano droga e dallo Stato percepivano il reddito di cittadinanza. È quanto scoperto dalle indagini della Guardia di finanza di Ragusa che hanno portato all’arresto in flagranza di reato di un uomo residente a Vittoria, nel ragusano, mentre un altro è stata denunciato. L’accusa è la stessa: detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Non solo, da ulteriori accertamenti delle Fiamme gialle è emerso che i due soggetti, sebbene risultano formalmente disoccupati, erano percettori dallo scorso anno del reddito di cittadinanza.

I finanzieri hanno fermato i due nella tarda serata del 7 gennaio, a bordo di un’auto priva di copertura assicurativa, mentre stavano cedendo droga a un acquirente. Uno dei due, quello che poi è stato arrestato, stava vendendo 4 grammi di cocaina dal valore di 250 euro. Entrambi, infatti, sono stati trovati in possesso di circa 47 grammi di cocaina pronta per essere venduta sul mercato ragusano, mentre ulteriori 43 grammi sono stati sequestrati durante la perquisizione a casa di uno dei due dove la droga era ben nascosta in un beauty case nascosto in una cesta per la biancheria, nonché 550 euro in contanti, ritenuti proventi dell’attività di spaccio. Non solo: sempre nell’abitazione sono state recuperate 48 pasticche di droga e strumenti utilizzati per il taglio della cocaina, un bilancino di precisione e attrezzatura per il confezionamento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piacenza, il quadro trovato nel giardino della Galleria è un Klimt scomparso vent’anni fa: la tela è autentica

next
Articolo Successivo

Air Italy, fumo nella cabina dei passeggeri: atterraggio d’emergenza per volo Olbia-Roma

next