La mia famiglia è un po’ strana. Io sono vissuto sempre con mia nonna. Mia madre quando mi ha avuto era piccolissima. Aveva 15 anni. Adesso ha 45 anni. Quando cammino per la strada con lei, mi fanno le foto i paparazzi e dicono che è la mia fidanzata. Mi ha cresciuto mia nonna, mentre mia madre per me è stata sempre una sorella. Andando avanti, però, ho capito. Io pensavo che mia nonna e mio nonno fossero mia madre e mio padre“. A rivelarlo è l’ex tronista di Uomini e Donne Ivan Gonzalez che, tra le mura della casa del Grande Fratello Vip, si è confidato con Barbara Alberti raccontandole di quando ha scoperto che quella che credeva fosse sua sorella era in realtà sua madre.

“A 14 anni, mi hanno fatto la carta d’identità dove c’era scritto anche il nome di mia madre e mio padre – ha rivelato l’ex tronista -. Diceva: Ivan Gonzalez figlio di Vittoria e figlio di Antonio. E mi sono detto ‘Chi è Antonio? Mio padre è Juan’. Poi ho chiesto e me lo hanno detto. È stata una bella botta perché ero piccolo. Ho sempre avuto un rapporto bellissimo con mia madre, ma non l’ho mai chiamata mamma nella vita. Anche adesso”.

Non solo, ha raccontato poi anche del suo padre biologico, con il quale ha un rapporto conflittuale: “Il mio vero padre è sparito quando sono nato. Dopo l’ho visto due volte. I miei nonni sono meravigliosi, ma mi è mancato avere un padre. Non so perché ma mi sento colpevole di questa cosa. Lui è tornato da me quando avevo 18 anni, ma io non ho fatto niente per creare un bel rapporto con lui. Quando ho compiuto 18 anni, è venuto a casa di mia nonna – ha spiegato -. Qualcuno ha aperto e ha chiuso subito la porta. C’era un’aria diversa a casa mia. Poi ho sentito la nonna che piangeva ma non capivo perché. Dopo un po’ ci siamo seduti a un tavolo e mi hanno spiegato tutto. Non ho pianto, ma adesso mi fa male. Lui voleva fare il padre, avrei preferito che non fosse tornato”, ha concluso Ivan Gonzalez.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mariella Milani, furto a casa della giornalista del Tg2: arrestata la colf

next
Articolo Successivo

Fuori dal Coro, Taylor Mega furiosa con Mario Giordano: “Mi hanno spento i microfoni. Mi sono rotta le pa**e”

next