Paola Ferrari, conduttrice de “La domenica sportiva”, analizza senza peli sulla lingua il prossimo Festival di Sanremo, in una intervista a “Libero”. Si parte subito sulle conduttrici sportive che hanno calcato il palco del Teatro Ariston: “Questo lavoro si fa per le emozioni e quello è un palco importantissimo. La Leotta, la d’Amico: ci sono state tutte tranne me. Sanremo sarebbe il coronamento di una carriera che iniziai a Portobello con Enzo Tortora. Sarebbe bello chiuderla così. Il mio sogno vero è cantare al Festival”.

E se la Ferrari non vuole più parlare della Leotta (per la quale non nutre sentimenti di stima professionale), spende belle parole per Rula Jebreal, che sarà tra le co-conduttrici: “È una mia amica. Abbiamo idee molto diverse dal punto di vista politico e sociale ma ci stimiamo. Avere punti di vista diversi è bello. Mi diverto a discutere con chi non la pensa come me. Se esco a cena con lei sono sicura che io non mi annoio e lei neppure. Non mi piacciono le persone scontate con cui non hai niente da dire”.

Infine difende a spada tratta una delle Big in gara, Rita Pavone, accusata di essere “sovranista”, a causa di alcuni tweet. “Ho letto alcuni attacchi sul tema del fisico. Schifezze. Io sono stata presa in giro per anni, per le luci, per l’aspetto, anche da colleghi famosi de Il Corriere della Sera. Un bullismo vergognoso che mi fa vomitare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Andrea Vianello dopo l’ictus: “Avevo appena fatto colazione e all’improvviso non mi sono più sentito la mano”

next
Articolo Successivo

Trova portafogli pieno di soldi al supermercato e lo restituisce: era di Pippo Inzaghi

next