Ha picchiato a bastonate la moglie, che è morta due giorni dopo il ricovero in ospedale per le conseguenze delle ferite riportate. L’aggressione è avvenuta lo scorso 3 gennaio quando Salvatore Plumari, di 90 anni, al termine di una lite ha ucciso la moglie, Concetta Di Pasquale, di 79 anni, con colpi di bastone nella loro casa di Mascali (Catania). La donna è deceduta 48 ore dopo nel Policlinico di Catania dove era stata ricoverata per fratture multiple e trauma cerebrale. Sulla vicenda indagano i carabinieri: secondo quanto appreso dai militari, la lite tra marito e moglie, entrambi originari di Regalbuto (Enna), è scaturita per futili motivi. Il 90enne, subito dopo l’aggressione, era stato arrestato e poi rilasciato per essere affidato a una struttura clinica riabilitativa per maltrattamenti in famiglia e per lesioni aggravate. Ma ora, dopo il decesso della donna, dovrà rispondere di omicidio volontario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valtellina, bambino di 4 anni muore dopo essersi schiantato su un bob contro un albero

next
Articolo Successivo

Milano, morto annegato un disabile di 32 anni: ha avuto un malore durante corso di nuoto in una piscina comunale

next