Nono successo di fila per la Lazio di Simone Inzaghi, che eguaglia così il record di Sven Goran Eriksson. I biancocelesti vincono 2-1 in rimonta a Brescia grazie alla doppietta firmata da Ciro Immobile che risponde al gol di Mario Balotelli, autore della prima rete del nuovo decennio in Serie A come già avvenuto negli Anni Dieci con il timbro in Chievo-Inter.

Un Balotelli, si segnala, ancora offeso da cori razzisti da parte dei tifosi avversari intorno al 30esimo: l’arbitro interviene e lo speaker dello stadio legge un comunicato in cui si chiede al pubblico di non intonare cori discriminatori.

La Lazio combatte per 95 minuti con un Brescia trascinato da SuperMario. La partita era iniziata con un gol annullato ai romani (Felipe Caicedo, fuorigioco) e sbloccata dall’intervento di Balotelli al 18′. Solo venti minuti dopo la Lazio raggiunge le Rondinelle grazie a un rigore, trasformato da Immobile che arriva al diciottesimo gol in 17 partite.

Nella ripresa, con il Brescia in 10 per l’espulsione di Andrea Cistana che aveva portato al rigore, la Lazio accumula occasioni su occasioni, con una chiara propensione a voler agguantare il record delle nove vittorie di seguito. Il momento si materializza in pieno recupero con l’affondo di Caicedo che consegna a Immobile la palla gol.

La Lazio sale così a 39 punti in classifica, confermandosi al terzo posto e avvicinandosi momentaneamente a una vittoria di differenza da Juventus e Inter, impegnate lunedì contro Cagliari e Napoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zlatan Ibrahimovic, il ritorno al Milan: ecco tutti i numeri “da leggenda” dell’attaccante svedese

next
Articolo Successivo

Balotelli, lo sfogo dell’attaccante dopo i cori dei laziali: “Chi era presente si vergogni”

next