“In questo momento una frammentazione delle forze politiche che sostengono la maggioranza non fa bene neppure all’azione di governo. Le manifestazioni critiche devono alimentare il dibattito interno alla singola forza politica”, così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa di fine anno risponde ai cronisti sulle possibili scissioni all’interno della stessa maggioranza. E sull’ipotesi di un “partito di Conte” sottolinea: “Io non ho velleità di avere un partito o un gruppo di riferimento, sarebbe una missione diversa rispetto al mandato assunto di fronte ai cittadini”. Il premier poi rivolge un appello ai parlamentari: “Rimanete nelle forze rispettive di governo, non alimentate questi passaggi che chiaramente non contribuiscono alla stabilizzazione del panorama politico“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le Sardine hanno un solo modo per cambiare la politica (e la sinistra): iscriversi in massa al Pd

next
Articolo Successivo

Conte, conferenza stampa di fine anno: “Sui migranti abbiamo ottenuto risultati senza clamori. I nostri porti non sono mai stati chiusi”

next