“Avete visto che nel dibattito generale non c’è più l’immigrazione, è uscita dai radar. Vedete come la propaganda politica possa agire: stiamo ottenendo risultati senza clamori. Abbiamo migliorato la performance degli sbarchi e dei ricollocati”.Così il premier, Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa di fine anno, risponde alla domanda sulle possibili modificazioni ai decreti sicurezza, che, assicura “sono tra i 29 punti del programma”. “Questo – aggiunge – perché l’accordo di Malta ha raggiunto risultati, per la prima volta abbiamo richiesta congiunta dei ricollocamenti”. “I nostri porti, diciamolo francamente, al di là della retorica della propaganda non sono mai stati chiusi – conclude il premier, riferendosi alla gestione dell’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini – la differenza era di trovare soluzioni automatiche o meno, la differenza era tenerli in mare più giorni o meno giorni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte, l’appello ai parlamentari: “Rimanete nelle vostre forze di governo: non voglio un partito. Frammentarsi non fa bene a stabilità esecutivo”

next
Articolo Successivo

Lucia Azzolina, la sottosegretaria diventa ministra al posto di Fioramonti. Insegnante di storia e filosofia, è a favore dello Ius culturae

next