“L’esplosione è stata molto forte, quasi come quella del 2017”. Alcuni testimoni commentano così l’attentato di sabato mattina avvenuto in un posto di controllo della capitale della Somalia, Mogadiscio. I morti, secondo le prime stime, sono “quasi 100”. L’attacco è molto simile a quello avvenuto due anni fa, quando due camion-bomba esplosero davanti al Safari Hotel. Immediati i soccorsi da parte della Mezzaluna Rossa locale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Somalia, autobomba esplode a un checkpoint a Mogadiscio: “Quasi 100 morti, anche bambini”

next
Articolo Successivo

Texas, sparatoria in una chiesa: “Ci sono due vittime. Anche l’aggressore è stato ucciso”

next