Non vedo mio figlio da quattro mesi”. A rivelarlo è Aida Yespica che, ospite di Verissimo, ha raccontato tra le lacrime a Silvia Toffanin il dramma che sta vivendo. “Prima mio figlio viveva con me. Poi a causa di una truffa, ho perso tutti i soldi e per un po’ nostro figlio è andato a vivere dal padre a Miami. Andavo a trovarlo ogni mese. Ma da marzo è iniziato il calvario”, ha raccontato la showgirl venezuelana.

“Sono quattro mesi che aspetto il mio nuovo passaporto venezuelano, mi è scaduto il visto americano e non ho più pagine sul mio vecchio passaporto. Non posso andare negli Stati Uniti, ma mio figlio è lì con il mio ex marito“, ha spiegato Aida Yespica che ha avuto il figlio Aaron 11 anni fa, mentre era sposata con il calciatore Matteo Ferrari. Dopo la fine del loro matrimonio però, la situazione è diventata complessa: “Fino ai 7 anni ho vissuto con mio figlio. Poi sono stata truffata, ho perso tutto e ho lasciato che vivesse con Matteo, negli Stati Uniti”.

Con la voce rotta dal pianto, Aida Yespica ha spiegato i problemi burocratici che le impediscono di volare da Aaron: “Non ho i documenti per andare negli Stati Uniti e non posso vedere mio figlio. Pochi giorni fa è venuto in Italia con il padre, ma me lo ha lasciato solo 4 ore. Matteo Ferrari mi ha detto di non chiedere extra… Un po’ di cuore, sono a pezzi“, ha concluso tra le lacrime. E quando Silvia Toffanin le ha chiesto di lanciare un appello all’ex, Aida Yespica ha risposto sconsolata: “No, è inutile. È senza cuore“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verissimo, Paolo Ruffini sputa in faccia a Silvia Toffanin. La reazione della conduttrice: “Iniziamo malissimo”

next
Articolo Successivo

L’Eredità, Flavio Insinna suggerisce la risposta a una concorrente. Cala il gelo nello studio di Rai 1

next