Il centrodestra risulta appena sotto il 50%, ma le forze che lo compongono – in particolare Lega e Fratelli d’Italia – sono in concorrenza tra loro. Chi fa registrare però la ripresa più consistente nell’ultimo mese è Forza Italia (+1,2). Sul fronte della maggioranza, il Pd non riesce a compensare gli effetti della scissione di Italia Viva e il Movimento 5 Stelle registra +1,1 rispetto al 20 novembre. Perde voti che confluiscono verso il centrodestra, ma allo stesso tempo attrae l’elettorato dell’astensionismo, che corrisponde ai delusi leghisti del Conte 1. È questa la fotografia delineata dal sondaggio Ipsos per il Corriere della Sera, a pochi giorni dall’approvazione della manovra, che precisa però come i dati di oggi siano da guardare considerando indecisi e astensionisti, oggi al 42,3%. E che in 4 mesi sono cresciuti di tre milioni di persone.

Consenso e flessione – In termini assoluti, guardando al centrodestra, la Lega al 20 dicembre è al 31,5% (che corrisponde però al 18% degli italiani e segna -0,4% rispetto al 28 novembre), Fratelli d’Italia al 10,3% (-0,3), Forza Italia al 7,4 (+1,2). Considerando invece le forze che compongono l’esecutivo, il Partito democratico è pressoché stabile al 18,2 (+0,1), Italia Viva si conferma al 5,3% mentre il Movimento 5 Stelle è al 17,7 (+1,1). Sia Pd che M5s rappresentano il voto del 10% degli italiani.

Il tasso di fedeltà – Dopo le Europee, circa il 10% degli elettori M5s sono fuggiti verso il centrodestra, specialmente verso Lega (5,5) e Fratelli d’Italia (2,5%). Ma il Movimento ha pescato il 29% del suo “elettorato attuale dall’astensione”. In termini di fedeltà, il livello di M5s è elevato (73,9%), così come lo è in Fratelli d’Italia (70,7%): il 20,4% dei suoi voti attuali proviene dalla Lega, il 6,2 da Forza Italia, il 2,5% dal Movimento 5 Stelle e il 24% dall’astensione. Ma chi fa registrare il tasso più elevato di fedeltà è il partito di Matteo Salvini (82,7) che però “riduce fortemente la sua capacità di attrarre nuovi elettori” visto che “l’84,5% dei votanti attuali è lo stesso delle Europee“. Tasso di fedeltà inferiore invece per il Pd (60,5%) vista anche la scissione di Italia Viva, ma i dem riescono ad attrarre nuovi elettori: “il 30% di chi oggi voterebbe Pd non lo aveva infatti votato a maggio”.

L’indice di gradimento – Quello del governo sale da 42 a 44 punti. Oggi il 38% degli italiani ne ha un’opinione positiva (+1%), mentre la valutazione negativa, in calo di 4 punti, è del 48%. Fa meglio dell’esecutivo in termini di consenso il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che incassa in 41% dei giudizi positivi e il 46% di negativi, stabilizzando a 47 come il mese scorso il su indice di gradimento.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega Nord Padania, cambia lo statuto. Bossi: “Noi concediamo, Salvini non può imporci un cazzo. Vuole il simbolo? Raccolga le firme”

next
Articolo Successivo

Lega, flash mob delle Sardine contro Congresso: “49 pesci per 49 milioni di euro da restituire”

next