Dal Parlamento britannico arriva il primo ‘sì’ alla Brexit entro il 31 gennaio. La Camera dei Comuni ha dato il via libera con 358 favorevoli e 234 contrari al testo dell’accordo raggiunto tra il governo di Boris Johnson e i negoziatori di Bruxelles. La nuova composizione del Parlamento, dopo il voto dello scorso 12 dicembre che ha aumentato il consenso del primo ministro, ha permesso il passaggio con larga maggioranza e, dopo la pausa natalizia, ci si aspetta che l’iter possa proseguire per arrivare alla ratifica definitiva entro la fine del primo mese del 2020.

La votazione è arrivata dopo la fine del dibattito a Westminster, chiuso dal ministro per la Brexit, Stephen Barclay, e il ministro ombra laburista, Keir Starmer. Johnson ha invitato ad approvare il testo, il cui iter sarà completato poi a gennaio, permettendo così al Paese di guardare avanti, spiegando che non ci saranno proroghe della transizione post Brexit oltre la scadenza di fine 2020. A un deputato laburista che gli chiedeva se questa mossa non rischi di rimettere sul tavolo lo scenario di un no deal a scoppio ritardato, il premier Tory ha risposto: “Al contrario, ci rafforzerà” nei negoziati con Bruxelles.

Tutti i partiti di opposizione hanno confermato il loro ‘no’ ufficiale alla legge, con il leader dimissionario del Labour, Jeremy Corbyn, che ha in particolare denunciato il rischio di un no deal di ritorno e, pur riconoscendo che l’elettorato ha chiesto di attuare la Brexit, ha insistito nel contestare i contenuti dell’accordo promosso da Johnson.

La Commissione europea “ha detto chiaramente che si compiace del chiarimento portato dal risultato delle elezioni. Ci aspettiamo che l’accordo di ritiro venga ratificato il più rapidamente possibile da entrambe le parti, in modo che possiamo passare alla prossima fase”, ha dichiarato il portavoce capo della Commissione, Eric Mamer. Mentre il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ha ribadito che, a suo parere, “l’uscita della Gran Bretagna è una ferita per gli europei. Però, naturalmente, noi adesso abbiamo capito che loro ci lasceranno e dal primo febbraio difenderemo l’Europa e i cittadini europei. Lo vogliamo fare in amicizia, in pace, con degli accordi equilibrati, ma noi siamo chiamati a difendere gli europei”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Difensore civico Ue, l’Europarlamento rielegge l’irlandese O’Reilly. Il candidato di Lega e Fdi non arriva al ballottaggio

next
Articolo Successivo

Spagna, Madrid supera Barcellona in campo economico e si gode il primato (provvisorio). Un derby eterno

next