“Ho visto ragazze che volevano compiacerlo per motivi lavorativi, era un abuso di potere indiretto”. Ambra Battilana è una delle teste chiave nel processo Ruby Ter che vede come imputati 28 persone tra cui Silvio Berlusconi per reati come corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza. Questa mattina ha parlato per oltre sei ore di fronte ai giudici della settima sezione penale del per raccontare quella sera del 22 agosto 2010 quando partecipò a una delle “cene eleganti” nella villa di Arcore del leader di Forza Italia: All’inizio non lo riconobbi, pensavo fosse qualcuno che lo impersonava, ma poi vidi le altre ragazze che lo chiamavano Presidente e allora capii” ha raccontato in aula. “Cantavano l’inno di Forza Italia “Meno male che Silvio c’è” e venivano palpeggiate e toccate” ha raccontato la donna che nel 2012 lasciò l’Italia per lasciarsi alle spalle quelle vicende. Oggi vive negli Stati Uniti ma spera di “poter un giorno tornare a lavorare in Italia come modella”. Anche se come conclude il suo avvocato Mauro Rufini sarà quasi impossibile perché “In Italia molto poco casualmente le agenzie di pubblicità e moda non la considerano più

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, saluto romano al corteo per Ramelli: chiesto processo per 28. Fra loro il presidente di Casapound e l’editore del libro di Salvini

next
Articolo Successivo

Inchiesta Open, la difesa di Carrai “schiera” tre professori (tra cui Giovanni Maria Flick) davanti ai giudici del Riesame di Firenze

next