Altro che cane da guardia: a Fermo, nelle marche, sono stati i gatti ad avvertire i padroni di casa e a mettere in fuga un ladro. “I gatti ci hanno salvati” ha raccontato la proprietaria di casa, Donatella Properzi, al Resto del Carlino, che ha dato per primo la notizia. “Ci hanno allertati e, scagliandosi contro il ladro, hanno creato un inatteso ostacolo. Il malvivente si è portato a casa qualche bel graffio, che si spera sia di monito a non intraprendere mai più un simile gesto”.

La signora Properzi, che abita in un villino nella periferia della città, ha raccontato di aver sentito un gran baccano in casa dopo il tramonto: “Credendo fosse una lite tra i gatti nella stanza accanto, ho aperto la porta del corridoio. Mi sono trovata di fronte ad un losco figuro vestito di nero con passamontagna calato sul viso”. La donna spaventata, ha chiesto aiuto al marito ed è fuggita: insieme si sono chiusi nella loro stanza e hanno chiamato i carabinieri. “Sono stati momenti concitati, i minuti sono sembrate ore”, racconta ancora la signora Properzi al Resto del Carlino. “All’arrivo della pattuglia dei carabinieri il malvivente si era già allontanato. Abbiamo spiegato ai militari non poter fornire alcun dato utile per l’individuazione del ladro. Allora è scattato un sopralluogo dei militari ed è emerso che, dopo aver forzato la finestra, il malvivente non ha fatto in tempo a portare via nulla, perché bloccato proprio mentre si stava dirigendo verso la camera matrimoniale. I sei gattoni hanno giocato un ruolo importante in questa vicenda, poiché ci hanno allertati e, scagliandosi contro il ladro, hanno creato un inatteso ostacolo”. Per i padroni di casa dunque solo tanta paura: il ladro è fuggito con qualche graffio, i gatti hanno meritato una doppia razione di coccole e croccantini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diana Del Bufalo e Paolo Ruffini si sono lasciati: “Provo rabbia e risentimento, la delusione mi ha resa una donna”

next
Articolo Successivo

Benji e Fede, Bella Thorne: “Il mio ragazzo si lamenta perché si eccita quando sono intorno”

next