“Abbiamo fatto tutto quello che avevamo detto e abbiamo lavorato sulle diverse regioni perché il primo obiettivo è tornare il prima possibile nelle piazze e coinvolgere quei territori che ancora non sono stati coinvolti”. È questo il primo commento del coordinatore delle sardine, Mattia Santori, al termine della prima riunione nazionale del movimento, alla quale hanno partecipato 150 promotori delle iniziative di piazza che sono state realizzate in questi primi 30 giorni. “Non c’è sempre bisogno di cercare la novità”, ha aggiunto Santori rispondendo ai giornalisti, ribadendo la soddisfazione per la mattinata. “Abbiamo lavorato con persone che vogliono portare un messaggio alternativo al populismo e al sovranismo”, ha concluso il leader del movimento.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardine, a Roma la prima riunione nazionale: “Ora nelle periferie, partiamo da Emilia e Calabria. Vogliamo interessare 1 italiano su 4”

next
Articolo Successivo

Sondaggi Toscana, Lega primo partito al 34 per cento sorpassa il Pd al 29%. E nella Regione di Matteo Renzi Italia viva si ferma al 5%

next