Sei proposte, concrete, per mettere a tacere chi li accusa di essere un movimento “solo contro qualcuno”. L’organizzatore delle sardine, Mattia Santori, dal palco di piazza San Giovanni ha elencato i punti chiave del movimento. Primo: “Pretendiamo che chi è stato eletto vada nelle sedi istituzionali a fare politica, invece di fare campagna elettorale permanentemente”. Secondo, “pretendiamo che chiunque ricopre la carica di ministro comunichi solamente sui canali istituzionali”. “Terzo punto – ha continuato – pretendiamo trasparenza nell’uso che la politica fa dei social network, sia economica, sia comunicativa”. E poi, ancora, altri tre obiettivi che vertono sui decreti sicurezza e la violenza verbale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Popolare di Bari, il governo vara il decreto. 900 milioni per il salvataggio, con la realizzazione di una banca d’investimento

next
Articolo Successivo

Care Sardine, non volete sentir parlare di paura: eppure ce n’è una con cui bisogna fare i conti

next