“Ieri mi è stato chiesto se avevamo intenzione di fare qualcosa per la popolare di Bari. Io ho detto che al momento non c’era necessità di intervento. Per la prima volta, consapevolmente, sono stato omissivo. L’ho fatto per non creare allarmi. I mercati erano aperti e poi per il segreto d’ufficio”. Così il premier Giuseppe Conte risponde alle domande dei cronisti sul commissariamento della Banca popolare di Bari e sul suo silenzio di venerdì al termine del vertice a Bruxelles. “Ero stato avvertito che era stata avviata una procedura in atto da parte di Banca d’Italia per il commissariamento, ma in quel momento non potevo dire altro. C’era già stata un’interlocuzione nelle settimane precedenti che ieri è diventata attuale. Quindi mi scuso con i cittadini”, ha concluso il presidente del Consiglio che ha poi illustrato gli interventi e gli obiettivi del Governo.

Video Facebook/Giuseppe Conte

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Popolare di Bari, Conte: “A breve un Consiglio dei ministri, non tuteleremo alcun banchiere”. Salvini: “Pronti a metterci attorno a un tavolo”

next
Articolo Successivo

Popolare di Bari, Conte: “Interverremo con Mediocredito centrale: una sorta di Banca del Sud a partecipazione pubblica”

next