Il candidato presidente alla Regione Emilia Romagna per il M5s è Simone Benini, consigliere comunale a Forlì dal 2014, al secondo mandato. Benini è stato scelto dagli iscritti sulla piattaforma Rousseau, dove ha raccolto 335 preferenze. Piccolo imprenditore nel settore dell’informatica, 49 anni, è molto attivo sui temi ambientali (rinnovabili, rifiuti zero, sostenibilità) ed è apicoltore. “Sarà una bellissima sfida che affronteremo tutti insieme, piazza per piazza, mercato per mercato. Come abbiamo sempre fatto – scrive Benini su Facebook – Saremo le sentinelle utili dei cittadini dell’Emilia-Romagna. Siamo sicuri che solo una forte presenza del Movimento 5 stelle nell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna metterà al centro i temi che interessano i cittadini e le sfide del futuro e non le solite lotte di potere tra partiti”. “Parliamo – prosegue – della difesa della sanità pubblica e dei beni comuni come l’acqua, alla mobilità sostenibile, alla lotta all’inquinamento allo sviluppo di energie rinnovabili, le politiche rifiuti zero, l’agricoltura sostenibile e la difesa dei diritti dei lavoratori e dei piccoli e medi imprenditori e commercianti fino alla fondamentale lotta alla corruzione e alle infiltrazioni mafiose“.

Nel corso delle due giornate di voto sono state espresse in tutto 6.015 preferenze da parte degli aventi diritto al voto residenti in Emilia-Romagna. La prima si è conclusa nella giornata di ieri, 11 dicembre, nel corso della quale gli iscritti hanno potuto votare i nominativi dei candidati consiglieri regionali.

Nella seconda fase di votazione, dopo Benini, al secondo posto si è classificata Monica Medici, consigliera comunale di Carpi, con 222 voti, seguita da Raffaella Gamberini, 219 voti, già candidata in Regione nel 2014, e da Luigi Delli Paoli, 198 voti. Claudio Fochi, portavoce ferrarese, ha ottenuto 177 voti; Natascia Cersosimo, la pentastellata che per prima denunciò le presunte anomalie nel sistema degli affidi di minori in val d’Enza, 157 voti ; Giuseppe Distante, ex consigliere comunale del Comune di Sala Baganza, 111 voti; al piacentino Giuseppe Rai sono andati 78 voti e all’agente marittimo Giancarlo Schiano 61 voti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi e le citazioni storiche: sbaglia la ricostruzione del caso Leone (sbugiardato da un senatore). E reinterpreta il discorso di Craxi del ’92

next
Articolo Successivo

Governo, Berlusconi rilancia i responsabili: “Sostegno da altri partiti per durare tutta la legislatura. Voglia di stipendio è forte”

next