Mancano solo le firme per l’arrivo ufficiale di Rino Gattuso sulla panchina del Napoli, dopo l’esonero di Carlo Ancelotti. L’ex Milan è atteso in giornata in città dove incontrerà il presidente, Aurelio De Laurentiis, per mettere la firma sul contratto e scendere in campo per il primo allenamento alle 14. E tra le richieste di Ringhio, per cui è pronto un accordo per 18 mesi con un ingaggio da 2,6 milioni di euro, c’è anche quella di un maxi-premio in caso di qualificazione Champions, come rivela Il Mattino.

Un obiettivo distante in classifica, visto che gli azzurri si trovano al settimo posto in classifica, a otto punti dal Cagliari, quarto. Ma se la corsa al piazzamento europeo appare in salita, un altro ostacolo che Gattuso dovrà affrontare e superare sarà quello di ricompattare lo spogliatoio e fare da mediatore nella riappacificazione con la società, dopo le tensioni createsi nelle scorse settimane a causa del rifiuto di giocatori e, inizialmente, allenatore di prendere parte al ritiro ordinato da Adl.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Daspo per 115 ultras: colpito tutto il gruppo dei Torino Hooligans, altri 40 provvedimenti tra tifosi di Napoli e Inter

next
Articolo Successivo

Napoli, la “desarrizzazione” fallita di Ancelotti: dal 4-4-2 e gli allenamenti “troppo scolastici” agli scontri con la società e il definitivo addio

next