I monopattini elettrici ora sono equiparati alle biciclette e quindi potranno circolare liberamente nelle città, rispettando il Codice della Strada. La svolta nella regolamentazione di questo nuovo mezzo di trasporto sempre più popolare, sopratutto tra i giovani, arriva grazia a un emendamento alla Manovra presentato da Italia Viva e approvato dalla commissione Bilancio del Senato. “Un provvedimento che faciliterà non solo il lavoro di migliaia di amministratori, ma anche la vita di tante persone“, ha spiegato l’ideatore dell’emendamento, il senatore Eugenio Comincini. Il riferimento è ai divieti posti nei mesi scorsi alla circolazione dei monopattini elettrici da parte di molte città, tra cui Milano, a causa della mancanza di una regolamentazione specifica e dei rischi di incidenti.

Veri e propri status symbol della nuova micromobilità elettrica, i monopattini restano comunque osservati speciali. In corso da parte dell’Unione Europea, ha ricordato la ministra dei Trasporti Paola De Micheli, una valutazione di natura tecnica. Una vera rivoluzione per l’uso in Italia di questi mezzi, che è arrivata dopo una lunga scia di multe, anche salate, 6mila euro da Bari a Modena, passando per Brescia e Torino. E proprio il superamento del problema delle multe è stato l’obiettivo primario che sta dietro l’approvazione dell’emendamento. Soddisfatta Legambiente: “Una buona notizia per l’ambiente“, ha commentato il vicepresidente di Legambiente, Edoardo Zanchini. A regolare la micromobilità con i monopattini elettrici è un decreto entrato in vigore il 27 luglio scorso che però stabilisce che a mettere in regola i monopattini elettrici all’interno del proprio territorio dovevano essere i singoli comuni. A Milano la sperimentazione è appena partita, con il posizionamento di 130 segnali stradali nella cintura esterna più altri 80 in aree di particolare pericolosità.

In base alle regole stabilite nel decreto del luglio scorso si parla di potenza massima di 500 watt, limitatore di velocità per mantenerli entro i 20 chilometri orari, o entro i 6 nelle zone pedonali, segnalatore acustico e set di luci. I conducenti dovranno essere maggiorenni oppure essere forniti di patente AM, mentre di notte dovranno indossare giubbotto o bretelle riflettenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brescia, bimbo di 2 anni investito da pirata della strada: fermata una ragazza di 22 anni

next
Articolo Successivo

Torino, le Sardine riempiono piazza Castello: “Siamo 40mila, no alla Lega e ai movimenti che si ispirano al fascismo”

next