Tutti pazzi per Ornella Muti. Questo potrebbe essere il sottotitolo dell’ultima puntata di “Maledetti Amici Miei”, lo show di Rai Due con Alessandro Haber, Rocco Papaleo, Sergio Rubini e Giovanni Veronesi. Quest’ultimo ha subito dichiarato: “Ti metterei in un baule e ti porterei via”. Poi via via tutti gli altri protagonisti si sono sperticati in lodi, come Alessandro Haber che con una punta di amarezza ha confessato: “Avevamo lo stesso impresario e abbiamo fatto un film insieme, ma non abbiamo mai cenato insieme”.

E se l’attrice ha confessato che tra tutti il più bello è Rubini, il diretto interessato però ha specificato: “Ho lavorato con lei, non abbiamo recitato insieme”, ma la collega ha tenuto a precisare: “Tu non mi hai chiamato. L’ho incontrato un giorno e gli ho detto ‘Sergio non mi chiami mai….e son passati 6 anni‘”. Insomma a quanto pare è stata una occasione mancata quella tra i due colleghi. Poi per ultimo Veronesi ha ricordato anche il rapporto della Muti con Francesco Nuti: “Alla fine della giornata Francesco venne da me e mi disse guarda che ti ho detto di starle accanto, non di corteggiarla. Si era già innamorato di lei”.

Se Veronesi ha espresso la sua ammirazione per la Muti, dal canto suo la compagna Valeria Solarino stanno insieme da quindici anni, in una intervista al settimanale “Grazia” ha spiegato il rapporto sentimentale e di lavoro: “I suoi appunti sono sempre giusti. Anche se lì per lì mi feriscono. Giovanni dice sempre ciò che pensa. E un difetto lo trova sempre”. Nessun figlio in arrivo e un rapporto ormai consolidato tra i due, tanto che Valeria ha raccontato: “Ci divertiamo molto insieme. Quando ci siamo messi insieme avevo 25 anni, siamo cresciuti fianco a fianco. A volte ritrovo in lui modi di dire, fare, pensare che sono i miei. Ci assomigliamo”. Insomma nonostante le lodi del regista verso la Muti, Valeria Solarino continua serenamente ad amare il suo uomo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Live Non è la d’Urso, Patty Pravo: “Mia nonna morta apre tutti gli armadi di casa e fa gli scherzi”

next
Articolo Successivo

Conto alla rovescia, “alle donne piace quello di 12 cm”: Gerry Scotti fa la domanda imbarazzante, in studio cala il gelo

next