Otto condanne e quattro assoluzioni. È il verdetto di primo grado nel processo celebrato a Bologna per peculato per fatti che risalgono tra il 2009 e il 2011. La maxi-inchiesta, condotta dal pm bolognese Morena Plazzi e Antonella Scandellari e coordinata dal procuratore aggiunto Valter Giovannini, aveva scandagliato, tra ricevute e scontrini, le spese e i rimborsi non attinenti al mandato di alcuni ex consiglieri regionali del Pdl, all’epoca appartenenti all’Assemblea legislativa. Tra gli assolti anche i due parlamentari attualmente in carica Enrico Aimi e Galeazzo Bignami, recentemente passato a FdI. E anche Gianni Varani e Gioenzo Renzi.

Secondo quanto emerso dalle indagini, i politici avrebbero infatti utilizzato i fondi destinati ai gruppi in Assemblea legislativa per spese personali: tra gli scontrini la Guardia di finanza ritrovò quelli per un wc pubblico, per pranzi e cene di lusso, pernottamenti in hotel e perfino per un acquisto in un sexy shop. In totale furono 41 i consiglieri regionali raggiunti a novembre 2014 dagli avvisi di fine indagine.

Durante la requisitoria aveva chiesto 10 condanne. I giudici hanno poi deciso la pena in base al calcolo di cifre molto più basse rispetto all’originale contestazione. Condannati Alberto Vecchi (3 anni e 6 mesi), Luca Bartolini (2 anni e 2 mesi), Marco Lombardi (2 anni e 7 mesi), Luigi Villani (2 anni e 1 mese), Giorgio Dragotto (2 anni e 4 mesi), Luigi Francesconi (2 anni e 10 mesi), Gianguido Bazzoni (2 anni e 4 mesi) e Andrea Pollastri (2 anni e 2 mesi).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, inchiesta su sicurezza barriere fonoassorbenti: 5 indagati, perquisizioni e sequestri. Coinvolte anche Spea e Pavimental

next
Articolo Successivo

Fondi Lega, l’assessore lombardo Stefano Galli indagato per riciclaggio. Zingaretti: “Salvini tace, dovrebbe dire la verità sui 49 milioni”

next