Forse hanno pensato che giocare a fare Gesù Cristo fosse più divertente, e allora l’hanno fatto per davvero: hanno sviluppato un gioco in cui si vive in prima persona la vita del figlio di Dio. “Io sono Gesù Cristo” è il nuovo videogioco pensato per pc che sta per sconvolgere il mercato. Per la prima volta ogni giocatore potrà indossare i panni di Gesù Cristo e ripercorrere i passi più significativi che vengono descritti nel Nuovo Testamento. Si potranno fare i miracoli come guarire i malati imponendo le mani, moltiplicare i pesci, camminare sulle acque o salvare imbarcazioni in preda a tempeste riportando il sereno.

Al momento del Battesimo, infatti, il giocatore avrà come dono il potere dello Spirito Santo e pregando e battezzando i personaggi che si troveranno lungo la strada si recupereranno i livelli dei super poteri. Nel corso della partita si dovrà fronteggiare il momento più drammatico della vita di Gesù, ovvero il cammino verso la crocifissione sul Monte del Calvario e come ogni videogioco che si rispetti, ci sarà anche spazio anche per un po di azione con il combattimento contro il cattivo del gioco, nientemeno che il Diavolo in persona che tenterà in tutti i modi di far cadere in tentazione i player.

Il videogioco, sviluppato da SimulaM e utilizzabile attraverso la piattaforma Steam, sarà un simulatore realistico ispirato alle sacre scritture e verrà pubblicato da PlayWay, anche se al momento non c’è ancora certezza sulla data di uscita: sul web si parla addirittura del 2020 come possibile data di release. Il primo trailer del gioco pubblicato anche su YouTube ha già scosso il web e ha svelato le prime affascinanti caratteristiche di “Io sono Gesù Cristo”: immagini iper-realistiche, un’ambientazione open world in cui i giocatori potranno muoversi e agire liberamente, abilità speciali, combattimenti e addirittura trenta miracoli come sfide da portare a termine per concludere l’esperienza di vivere come Gesù Cristo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tony Colombo, sospeso il concerto del cantante neomelodico: le forze dell’ordine lo hanno fatto scendere dal palco mentre intonava i suoi successi

next
Articolo Successivo

Banksy, il nuovo emozionante video dell’artista: ecco in chi si trasforma un clochard

next