Per la prima volta dalle elezioni europee la Lega scende sotto i trenta punti percentuali mentre un elettore su quattro si dice disposto a votare un partito costituito dal movimento delle Sardine. Alle cui manifestazioni è andato il 4% delle persone intervistate dall’ultimo sondaggio di Demos per Repubblica. Secondo l’istituto di Ilvo Diamanti il 27% degli elettori interpellati sarebbe disponibile a votare le Sardine, mentre il 38% è favorevole alle manifestazioni del movimento anti sovranisti. I simpatizzanti e potenziali elettori delle Sardine sono soprattutto giovani (25-34 anni) e giovanissimi (18-24), hanno un titolo di studio di alto livello, vengono soprattutto dal Centro Italia e dal Nord-Ovest e fino a oggi hanno votato il Pd, altri partiti di centrosinistra e – in misura minore – anche il M5s e persino Forza Italia.

Tutto questo mentre la Lega scende sotto i trenta punti percentuali: non accadeva dal 34% preso alle Europee. Il partito di Matteo Salvini è al 29,5, in costante discesa rispetto a sei mesi fa: a ottobre era al 30,2, a settembre al 32,5, a luglio al 35,3. Insomma dal post europee il Carroccio ha perso sei punti percentuali. Exploit di Fratelli d’Italia che con l’11,3% ha quasi raddoppiato i sei punti di luglio. Per il resto Forza Italia è al 6,5%: vuol dire che il centrodestra unito sarebbe al 47,3%.

Nell’area di governo guida il Pd al 18,7%, in discesa rispetto al 19,1% di ottobre ma soprattutto rispetto al 22,3% di settembre, quando c’era ancora Matteo Renzi. L’ex premier è uscito dal partito per fondare Italia viva, che però è al 3,5%, in caduta di mezzo punto. Il Movimento 5 stelle è al 18,1%, perde più di due punti e mezzo rispetto a ottobre (20,6) ma è leggermente in crescita rispetto al 17,6 delle europee. LeU, invece, è al 3,2%: i partiti che sostengono il governo Conte 2, dunque, insieme pesano per il 43,5%.

Oltre la metà dei cittadini intervistati, però, pensa che l’esecutivo non avrà vita lunga: al massimo un anno. Secondo il 26% durerà anche meno. La fiducia nei confronti del governo è, a sua volta, abbastanza stabile. Ma molto inferiore – oltre 10 punti in meno – rispetto allo scorso luglio: il governo Conte 1 – sostenuto da Lega e M5s – riscuoteva un voto superiore a sei (in una scala da uno a dieci) del 55% degli intervistati, mentre il Conte 2 – sostenuto da grillini e Pd – si ferma al 42%.

Nonostante tutto il premier è ancora oggi il leader che gode di maggior fiducia personale: è l’unico a raggiungere il 50%, anche se perde tre punti in due mesi. Lo seguono Salvini con il 48%, in crescita di sei punti, e Giorgia Meloni al 46% mentre il meno amato è Renzi con il 25%: dietro c’è solo Beppe Grillo, che però è un garante fuori dai giochi. Silvio Berlusconi, Nicola Zingaretti, Luigi Di Maio, Carlo Calenda e Giovanni toti hanno tutti un indice di fiducia personale compreso tra i 30 e i 36 punti percentuali, preceduti da Dario Franceschini ed Emma Bonino, quarta assoluta nella classifica dei leader. Dove trovano spazio anche Alessandro Di Battista (col 26% è quartultimo) e Roberto Speranza, che riscuote la stessa fiducia di Renzi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, associazione Rousseau: “Avanzo di Italia 5 stelle Rimini alla piattaforma? E’ previsto dallo Statuto, tutti i donatori sapevano”

next
Articolo Successivo

Più libri, più liberi, Scanzi presenta ‘Il cazzaro verde’: “Salvini Gattopardo e Renzi facce stessa medaglia. Se Conte cade rischio Salvusconi”

next