Vanessa Incontrada super star durante il secondo appuntamento con “20 anni che siamo italiani” su Rai Uno. Tra gli ospiti dello show c’erano anche Ficarra e Picone che hanno presentato il nuovo film “Il primo Natale”, nelle sale cinematografiche dal 12 dicembre. I due attori siciliani hanno anche raccontato alcuni aneddoti divertenti realmente accaduti nel passato.

Tra questi una disavventura in hotel. “Erano le tre di notte, il portiere non trovava la nostra prenotazione. Ci ha detto che aveva due stanze disponibili, ma ce ne poteva dare solo una. Nel caso arrivasse qualcun altro… – raccontano Ficarra e Picone – Per questo gli abbiamo detto di far finta che uno dei due non ci fosse, di procedere all’assegnazione della camera ad uno e poi all’altro separatamente. Ma il portiere irremovibile non ha accettato la proposta”.

Vanessa Incontrada è scoppiata a ridere, guardando il duo che mimava la scena al bancone dell’hotel, mentre Ficarra si nascondeva sotto per poi riapparire come fosse un altro cliente dell’albergo, in modo da convincere il portiere ad assegnargli la camera. La conduttrice prima si accovaccia e poi esclama: “Devo fare la pipì, non riesco ad andare avanti…”, scatenando le risate anche del pubblico in studio.

Poi la battuta finale mentre l’attrice italo-spagnola presenta il film degli ospiti “Il primo Natale”: “Andate a vederlo. Saranno due ore da farsi la pipì addosso”, e ancora giù risate. La pellicola racconta di Salvo (Ficarra), ladro di oggetti sacri e Don Valentino (Picone), sacerdote con il chiodo fisso del presepe vivente, che vengono proiettati, per ragioni misteriose, nella Palestina dell’Anno Zero, pochi giorni prima dalla nascita di Gesù. Salvo e Valentino si mettono in cerca di Giuseppe, Maria e della mangiatoia. Un percorso tra scelte complesse e la necessità di abbandonare paure e egoismi per passare all’azione.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

The Loudest voice, Russell Crowe come non lo avete mai visto (nei panni dell’ex numero uno di Fox Roger Ailes)

next
Articolo Successivo

Crozza, nel monologo si appella alla futura moglie del senatore leghista: “La proposta in Aula era una buffonata? Puoi ancora ripensarci…”

next