Nell’ultima puntata di Fratelli Di Crozza, in onda venerdì 6 dicembre in prima serata sul Nove, Maurizio Crozza dedica il suo monologhi al Parlamento italiano dove oramai, tra proposte di matrimonio, striscioni, cappi e catene, può accadere di tutto: “È uno scandalo. Perché quello è il Senato della Repubblica, in quell’Aula si sono seduti Eugenio Montale, Giovanni Verga, Giuseppe Verdi e poi i grandi Padri della Patria: De Gasperi, Nenni, Pertini. Come è possibile proprio in quell’Aula far cantare “Trottolino Amoroso” ad Amedeo Minghi… senza chiamare Mietta?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vanessa Incontrada, il contrattempo in diretta a “20 anni che siamo italiani”: “Devo fare pipì, non riesco ad andare avanti…”

next
Articolo Successivo

Fratelli di Crozza, Di Maio come la marionetta di Totò alle prese con il Mes: “Salvini gode e io passo per fess…”

next